I Viaggi Di Roby

DOMENICA CON - Il 28 febbraio "mattatore" Michele Placido


DOMENICA CON - Il 28 febbraio
Michele Placido
Una carriera da attore e regista: una vita che Michele Placido ripercorre disegnando il palinsesto di Domenica Con, lo spazio curato da Enrico Salvatori e Giovanni Paolo Fontana, in onda domenica 28 febbraio 2021 dalle 14.00 alle 24.00 su Rai Storia.

Si parte dal Sessantotto, quando, da poliziotto, Placido si trov nello scenario della contestazione, e mentre stava frequentando l'Accademia d'Arte Drammatica "Silvio D'Amico", da cui intraprese la carriera d'attore. Nel palinsesto, anche una delle sue prime prove d'attore, nel film per la TV del 1973 "Il Picciotto" di Alberto Negrin, a cui fa seguito un omaggio a Damiano Damiani, legato al suo lavoro su Leonardo Sciascia, che si conclude con una sintesi della puntata del 1989 di Fluff. Processo alla TV di Andrea Barbato, dove venne commentato il successo de La Piovra con sceneggiatori e giuristi.

Alle 17.40 circa, il documentario "Rosarno Blues" il pretesto per l'ospite di parlare di "Pummar", prima opera cinematografica da regista, di cui si rivedranno alcuni servizi Rai del 1989/90 dal set del film. Il palinsesto prosegue con la proposta di immagini dalle Teche Rai legate a due opere cinematografiche di Michele Placido: l'unica intervista di Giorgio Ambrosoli (dalla cui vicenda trasse il film "Un eroe borghese", presentato nella trasmissione del 1995 "Tempo Reale") e le riprese dell'arresto di Renato Vallenzasca (che gli ha ispirato un film del 2010).

A seguire, un omaggio "L'Agnese va a morire", il film del 1976 di Giuliano Montaldo tratto dal libro di Renata Vigan, una delle prime prove cinematografiche di successo di Michele Placido. Alle 20.40, "L'Uomo dal fiore in bocca", cortometraggio televisivo di Marco Bellocchio del 1993, con protagonista Michele Placido, tratto dall'opera di Luigi Pirandello.

Segue, alle 21.15 il film del 2002 "Un viaggio chiamato amore", regia di Michele Placido, che narra la storia d'amore del poeta Dino Campana e della scrittrice Sibilla Aleramo. Chiude il palinsesto un "omaggio" a Beniamino Placido, prozio di Michele (cugino di suo padre), un intellettuale che si speso per la causa di una TV migliore, sia da autore che da critico televisivo.

27/02/2021, 15:21