I Viaggi Di Roby

HOLLYWOOD: I DIVI E LA SIGARETTA - Un binomio irresistibile


I grandi attori del cinema americano e il fascino della sigaretta. Da Humphrey Bogart a Bette Davis tra simbolo di virilità e segno di emancipazione.


HOLLYWOOD: I DIVI E LA SIGARETTA - Un binomio irresistibile
"Casablanca"
La sigaretta e il suo fumo avvolgente esercitarono un certo fascino nel mondo del cinema americano degli anni ’30-'60, lo ricorderanno sicuramente tutti gli appassionati delle prime pellicole sonore che ebbero come protagonisti attori e attrici del calibro di Humphrey Bogart, Clark Gable, Cary Grant, James Dean, Marlene Dietrich, Bette Davis e Ingrid Bergam (solo per citarne alcuni).

Consapevoli dell’influenza che i divi del cinema esercitavano sul pubblico, le grandi aziende del tabacco si servirono della loro immagine per pubblicizzare con successo i loro prodotti, d'altronde è impossibile non ricordare la virilità emanata da Bogart in Casablanca mentre tiene tra le dita la sigaretta. Per quanto riguarda le donne, fumare la sigaretta rappresentò un segno di emancipazione ed esaltazione di una femminilità provocatoria, ne è un esempio lo sguardo sensuale seminascosto dal fumo di Rita Haywhorth in Gilda.

Una curiosità che non tutti sanno è che spesso le multinazionali del tabacco pagavano profumatamente le celebrità per fumare, tra i divi più pagati spiccava l'attore Gary Coopeer. Alcuni degli attori noti al pubblico per essere delle vere e proprie ciminiere si ammalarono di cancro, tra questi ricordiamo Humphrey Bogart che nel 1957 perse la vita a causa di un carcinoma all'esofago. Se gli attori del passato fossero stati al corrente dei danni provocati dalla combustione della cartina delle sigarette avrebbero cercato altri metodi per assumere tabacco in modo meno pericoloso, fumare il sigaro o la pipa sarebbe stata una buona alternativa.

Nel nostro tempo l'alternativa al fumo sono le bustine aromatizzate di tabacco, o snus, da appoggiare sulla gengiva per assumere in pochi istanti la giusta dose di nicotina senza i processi di combustione. Le bustine di tabacco non sono ancora in vendita in Italia, perché nel nostro Paese manca ancora una legge che ne disciplini l'uso, ma sono acquistabili sui siti esteri specializzati in cui vengono proposte anche le opzioni senza tabacco, i punti vendita online effettuano spedizioni in tutto il mondo.

Le bustine di tabacco non sono adatte per chi si approccia per la prima volta alla nicotina in quanto la sostanza viene assorbita molto velocemente dalla gengiva e quindi potrebbe causare reazioni indesiderate. In America, dove l'uso dello snus è consentito, gente comune e star di Hollywood stanno passando dalla sigaretta elettronica alle bustine nel tentativo di venir fuori dal vizio del fumo. Eppure, nonostante oggigiorno vi sia il divieto di pubblicizzare il fumo, ritenuto un vizio molto dannoso per la salute, Hollywood continua a non rinunciare alla magia creata dalla sigaretta che compare in modo più o meno velato nei film del terzo millennio. Molto probabilmente è a causa di queste comparsate cinematografiche della “bionda" che il fumo è tornato prepotentemente di moda tra i nostri giovani che ora come allora emulano i loro miti.

22/04/2021, 10:09