I Viaggi Di Roby

L'ULTIMA SPIAGGIA - Il cinema italiano davanti al mare


L'ULTIMA SPIAGGIA - Il cinema italiano davanti al mare
Mancava un approfondimento saggistico sul rapporto tra il cinema italiano e le spiagge, sia come luogo fisico sia - soprattutto - come spazio metaforico e "vetrina" sociale. Ne ha scritto ora Christian Uva, professore ordinario al Dams dellUniversit Roma Tre, dove insegna Cinema italiano e Cinema e tecnologia, per Marsilio.

"L'ultima spiaggia. Rive e derive del cinema italiano" un agile ma denso volume che ripercorre questo legame dai suoi esordi, per passare al Neorealismo e al cinema del "boom", in cui davanti al mare iniziavamo a passare pi tempo, in famiglia e non. Una nazione come l'Italia, quasi interamente costituita da litorali, si scopre non avere una filmografia infinita in merito: la spiaggia "occupa da sempre nella tradizione cinematografica italiana un posto di assoluto rilievo che tuttavia ad oggi non stato sufficientemente indagato".

Il volume di Uva un perfetto strumento di riflessione sul rapporto che gli italiani hanno con il mare e con la socialit balneare, ma soprattutto un bel modo per ripercorrere e "rileggere" alcuni dei film pi interessanti sul tema. Tra quelli pi analizzati ci sono sicuramente "La spiaggia", "Sapore di sale", "La famiglia Passaguai", ma c' spazio anche per Fellini e Wertmuller e molto altro ancora.

Spiace, in questo contesto, che il cinema italiano dagli anni '80 in poi sia concentrato un po' troppo velocemente nel capitolo finale, diventando cos una sorta di elenco commentato e non una vera e propria analisi come invece avviene per i decenni precedenti. Ma questo non svilisce il valore di un testo importante, che mancava e ora c'. Buona lettura.

29/04/2021, 11:13

Carlo Griseri