Festival del Cinema Città di Spello
I Viaggi Di Roby

DIETRO I FRONTI - Riparte il tour italiano


DIETRO I FRONTI - Riparte il tour italiano
Un viaggio nelle strade della Palestina per raccontare le conseguenze psicologiche di anni di colonialismo: accompagnati dalla psicoterapeuta e scrittrice palestinese Samah Jabr, Dietro i fronti è uno sguardo nella mente e sulle strade della Palestina.

Il documentario di Alexandra Dols affronta le strategie e le conseguenze psicologiche dell’occupazione e le modalità con cui i palestinesi la affrontano. Un susseguirsi di voci, racconti, fatti di cronaca, interviste e fughe poetiche per descrivere una Palestina frammentata, abitata da donne e uomini con identità plurali che condividono la loro resistenza e resilienza. Perché la colonizzazione quotidiana non riguarda solo la terra, il cielo, la casa e l’acqua, non si tratta solo di imporsi attraverso le armi, ma anche di lavorare le menti.

Dietro i fronti debutta a Torino al cinema Lux domenica 13 giugno alle ore 18,30 per poi proseguire il tour di proiezioni speciali nel resto d’Italia tramite la piattaforma Movieday che permette a singoli e organizzazioni di sensibilizzare il pubblico attraverso il potere di aggregazione del cinema, in sala e in presenza.

Ogni tappa sarà l’opportunità non solo per vedere il film, ma anche per conoscere meglio i suoi protagonisti: la regista Alexandra Dols e la protagonista Samah Jabr in tour parallelo di presentazioni dell’omonimo libro “Dietro i fronti”, realizzato dalla casa editrice Sensibili alle foglie.

Dopo aver visto il documentario, il regista e attivista politico Ken Loach, due volte Palma d’oro a Cannes (nel 2006 per The Wind That Shakes the Barley e nel 2016 per I, Daniel Blake), ha confermato quanto sia fondamentale vedere Dietro i fronti di Alexandra Dols: “La dott.ssa Jabr è una donna premurosa e saggia. Il suo lavoro riflette gli effetti devastanti dei brutali anni di occupazione subiti dal popolo palestinese. Il film di Alexandra Dols condivide queste riflessioni con noi in modo generoso e profondamente inquietante. Vi prego di vedere questo film.”

09/06/2021, 14:31