I Viaggi Di Roby

LOCARNO 74 - "Where are You"


LOCARNO 74 -
Un fotografo in declino iniziata a scaricare la sua aggressivit sulla fidanzata, ma quando lei scompare in modo misterioso lui intraprende una discesa nel proprio subconscio alla ricerca di s, e di lei.

Questa, in poche parole, potrebbe essere la trama di "Where are you", opera seconda di Riccardo Spinotti e Valentina De Amicis. Ma ridurre un film simile alla sua sola trama sarebbe un errore grave, le vicende narrate sono solo uno spunto per sprazzi di dialogo, immagini patinate e curatissime, riflessioni sul mistero e sulla follia del proprio non-conscio. E per mostrare il pi possibile e dal massimo numero di angolazioni la bellezza di Camille Rowe e delle sue colleghe.

Come gi nel loro precedente "Now is everything", presentato al Torino Film Festival nel 2019, Spinotti e De Amicis si avvalgono di collaborazioni prestigiose che determinano lo splendore della confezione: il padre di Riccardo, Dante Spinotti, cura la fotografia del film e produce insieme alla moglie Marcella, dei costumi si occupata la premio Oscar Colleen Atwood, nel cast - che in buona parte riprende quello dell'opera prima - spicca l'apparizione dell'amico di famiglia Anthony Hopkins.

Se "l'esterno" indubbiamente ammirevole, l'interno discutibile: il faro ancora una volta il cinema del Terrence Malick pi recente, la volont quella di suggerire i fatti e non agevolare lo spettatore mai, costringendolo a ricostruire i pezzi di racconto nel loro lento svelarsi. "Where are you", come gi "Now is everything", si rivela quindi uno splendido oggetto da guardare e un'ostica opera da capire. Ma impossibile da ignorare.

13/08/2021, 09:00

Carlo Griseri