CINECITTÀ SI MOSTRA
I Viaggi Di Roby

VENEZIA 78 - "La Ragazza ha Volato"


Wilma Labate torna dopo tre anni al Lido con un film ambientato a Torino, tratto da un soggetto dei fratelli D'Innocenzo. Con Alma Noce e Luca Zunic


VENEZIA 78 -
Alma Noce in "La Ragazza ha Volato" di Wilma Labate
Con "La ragazza ha volato" nella sezione Orizzonti Extra, Wilma Labate dirige nuovamente una commedia: un racconto seppur minimale di sviluppo e crescita adolescenziale di una donna, non facile, duro, che affronta anche il dramma di una ragazza di fronte alla violenza sessuale.
Gli autori di questa storia, scritta prima del loro esordio, e che la regista ha in parte modificato, sono i fratelli Damiano e Fabio D’Innocenzo (a Venezia in gara con "America Latina").
Dentro questo evento vi e il tentativo riuscito di espolorare in una Trieste sconosciuta, una periferia non degradata dove le strade pulite ed il decoro urbano non bastano ad evitare solitudini ed anomie emotive.
Nadia ha 16 anni vive di solitudini scolastiche, famigliari e sentimentali. Anche per questo motivo, nel suo approccio relazionale si troverà senza immaginare una violenza che subisce in silenzio. Non parliamo dei gesti, della rabbia e del pianto che conivolgono fortemente lo spettatore, quanto del ricatto morale, omertoso, che non porterà a denunciare il suo stupratore, con un silenzio famigliare che aumenta la sua solitudine.
Alma Noce attrice torinese al suo primo ruolo, offre la resistenza di un corpo radicato, in ogni passo, nei vuoti delle strade.
Luca Zunic interpreta la banalità del male di ogni uomo o ragazzo superficiale che non percepisce la violenza che esercita ma riconosce il pericolo solo per sé e istintivamente impone un minaccioso silenzio.

Tutti questi fantasmi e queste inerzie si intrecciano e si logorano a vicenda offrendo attraverso il dolore e la ripetizione dei gesti quotidiani, la possibilità di formare passo dopo passo, scarpe ai piedi, un baricentro emotivo capace di sviluppare una vita almeno sognata dove qualcuno, quel noi prigioniero, ha volato.


Marco Guarella

05/09/2021, 07:36