CINECITTÀ SI MOSTRA
I Viaggi Di Roby

VENEZIA 78 - "Rebibbia Lockdown" arriva all'Excelsior


Anteprima del film documentario diretto da Fabio Cavalli da un’idea della Vice Presidente Luiss Paola Severino. Una produzione Clipper Media con Rai Cinema


VENEZIA 78 -
R"Rebibbia Lockdown" di Fabio Cavalli
Al Venice Production Bridge è stato presentato "Rebibbia Lockdown", il film documentario – diretto da Fabio Cavalli e nato da un’idea della Vice Presidente della Luiss Paola Severino – che racconta l’esperienza vissuta da quattro studenti universitari della Luiss con un gruppo di detenuti del reparto di Alta Sicurezza del carcere di Rebibbia.

Nello Spazio Incontri dell’Hotel Excelsior al Lido, si è svolta la proiezione alla presenza della Vice Presidente Severino, dell’Amministratore Delegato di Rai Cinema Paolo Del Brocco, del regista Fabio Cavalli, del Capo Dipartimento Amministrazione Penitenziaria Bernardo Petralia con la partecipazione speciale dei quattro studenti Luiss, protagonisti della storia. La giornata si è aperta con la lettura dei saluti della Ministra di Grazia e Giustizia, Marta Cartabia, che ha sottolineato l’importanza di questa iniziativa che mette al centro l’universo carcerario e il valore della legalità, attraverso il dialogo tra studenti della Luiss e giovani detenuti.

Prodotto da Clipper Media con Rai Cinema, con il sostegno della Regione Lazio – Fondo regionale per il cinema e realizzato grazie alla disponibilità del Ministero Di Giustizia - Dipartimento Dell’amministrazione Penitenziaria, Rebibbia Lockdown dà voce alle paure e alle inquietudini generate dalla pandemia all’interno dell’universo carcerario e all’impatto sui detenuti e sul personale di Polizia Penitenziaria. Nel periodo in cui il Covid-19 ha costretto tutti all’isolamento nelle proprie abitazioni, tra i protagonisti del film documentario si instaura un fitto scambio epistolare nel quale ognuno sceglie di raccontare a cuore aperto sogni, speranze e sacrifici. Solo alla fine del lockdown, tutti i protagonisti avranno modo di rincontrarsi personalmente nell'aula universitaria di Rebibbia, sentendosi più legati di prima.

“Questo film documentario nasce dall'entusiasmo con cui i nostri studenti della Luiss hanno voluto confermare, anche in tempo di pandemia, il loro impegno nel progetto ‘Legalità e Merito’. Un progetto che ho introdotto tempo fa nella nostra Università, nella convinzione che il rispetto delle regole vada promosso fin dall’età giovanile. Ragazzi volontari che da anni, in numero crescente, portano questi temi nelle scuole delle località più degradate d’Italia e negli istituti carcerari. Neppure il lockdown ci ha fermati, ma anzi ha rappresentato uno stimolo a mettere in comunicazione ragazzi isolati a casa e detenuti isolati in carcere. Si è così aperto un dialogo fitto ed intenso, descritto dal film documentario, che ha attraversato questo periodo così difficile, passando tra la solitudine dei detenuti, impossibilitati a ricevere le visite dei loro familiari, e la solitudine degli studenti, impossibilitati ad incontrarsi con i loro compagni. Un confronto che ha accompagnato anche i drammatici momenti della rivolta nelle carceri, per approdare nel finale ad un toccante incontro nel penitenziario di Rebibbia, finalmente di nuovo accessibile. Frasi, sguardi, accoglienza, tutto intorno a noi confermava che si può e si deve parlare di legalità in ogni contesto: ai giovani studenti che credono nel valore del merito e ai giovani detenuti che mi hanno dato la più bella definizione del valore nel quale hanno ricominciato a credere: ‘la legalità è sentirsi in pace con se stessi e con il mondo’. Proprio per questo la Luiss ha voluto dare ai migliori allievi la possibilità di raggiungere una meta ambita: mostrare le proprie capacità, vincere la competizione ed iscriversi all’Università grazie ad una borsa di studio. Un piccolo contributo al grande impegno dei tanti che si occupano silenziosamente di formazione dei giovani e rieducazione dei condannati”. Ha dichiarato la Vice Presidente della Luiss Prof.ssa Paola Severino.

“Fra febbraio e aprile 2020, centinaia di migliaia di detenuti in tutto il mondo tentarono in ogni modo di non fare la fine dei topi. Alcune nazioni (Iran, Turchia) ne scarcerarono decine di migliaia per precauzione. In altre furono presi provvedimenti di distanziamento in fretta e furia. In Italia sospesero temporaneamente la pena a qualche centinaio di anziani e malati, tra le stravaganti proteste dei politicanti sulle “scarcerazioni facili” dei “super-criminali”.
Nella condizione di scandaloso sovraffollamento e promiscuità, alcuni detenuti italiani, isolati da ogni contatto coi familiari, attoniti di fronte alle migliaia di morti quotidiane nelle città oltre le mura invalicabili, si ribellarono e tentarono la fuga disperata. Inutilmente. Lo Stato agisce e vince sempre contro i pochi o i tanti che si scatenano contro di lui. Ma c’è modo e modo di agire. A Rebibbia lo Stato è rappresentato da un Corpo di Polizia Penitenziaria che con fermezza, ragione e persuasione placa gli animi dei rivoltosi e mette in sicurezza il carcere in poche ore, senza torcere un capello a nessuno. E subito dopo cerca e trova le risposte possibili a tanta angoscia e rabbia di chi vive oltre i cancelli". Ha dichiarato il regista Fabio Cavalli.

“Questo film pone al centro una profonda riflessione su alcuni dei temi portanti di ogni democrazia moderna: la formazione dei giovani e la rieducazione dei detenuti. Il lavoro di Fabio Cavalli, nato da un’idea della professoressa Severino, e ancora una volta carico di un grande valore di testimonianza individuale e civile, ci suggerisce che una sintesi tra questi due grandi temi è possibile.
Per produrre Rebibbia Lockdown abbiamo raccolto una sfida che per la complessità degli argomenti trattati e la situazione in cui ci trovavamo sembrava quasi impossibile, eppure grazie al coinvolgimento e alla straordinaria collaborazione di tutti i partner del progetto siamo riusciti a portare a termine il lavoro in piena pandemia.
Voglio cogliere l’occasione per rivolgere un sentito ringraziamento alla Professoressa Severino, all’Università Luiss, al Presidente Bernardo Petralia Capo dipartimento dell’amministrazione penitenziaria (DAP), a Carmelo Cantone provveditore dell'amministrazione penitenziaria di Lazio, Abruzzo e Molise, a Rosella Santoro direttrice casa circondariale di Rebibbia N.C. (nuovo complesso), e naturalmente a Fabio Cavalli e alla Clipper Media che ha prodotto il film.
Siamo certi che da oggi questo film inizierà il suo percorso di incontro con il pubblico, e come Rai Cinema saremo certamente presenti, per sostenere tutte le iniziative necessarie alla sua divulgazione, dal lavoro con le scuole sino alla messa in onda televisiva”. Ha dichiarato l’Amministratore Delegato di Rai Cinema Paolo Del Brocco.

09/09/2021, 15:29