I Viaggi Di Roby

TORINO FILM FESTIVAL 39 - Angelica Gallo e "La notte brucia"


Nel concorso internazionale del Torino Film Festival 39 anche due corti italiani: Angelica Gallo racconta "La notte brucia"


TORINO FILM FESTIVAL 39 - Angelica Gallo e
"La notte brucia" di Angelica Gallo uno dei cortometraggi selezionati per il concorso internazionale al Torino Film Festival 39. La storia di un gruppo di ragazzi che nella provincia italiana vivono di espedienti, di furti nelle discoteche grazie allo spray al peperoncino, senza valori.

Un corto, spiega la stessa Angelica Gallo, che "nasce un po' per caso, parlando insieme al co-sceneggiatore Niccol Galbiati, raccontandoci cosa ci aveva colpito intorno a noi, da riflessioni sui fatti del 2018 al concerto di Sfera Ebbasta. Questa nuova generazione appare completamente persa, i responsabili di quei fatti erano totalmente indifferenti a ci che avevano compiuto e alle conseguenze, ero affascinata e disgustata allo stesso tempo".

Una generazione non cos distante, essendo la regista del 1990. "Vero, ma sento il distacco, mi sentivo lontana da loro, hanno valori fittizi, abbiamo estrazioni diverse. Loro hanno 20 anni, ce ne sono 10 di differenza e oggigiorno sono tantissimi, loro vivono sui social, si percepisce la differenza".

Come hai scelto il tuo cast? "Dopo un normale casting, Eugenio Deidda viene dalla strada, ha passato sei anni in carcere. L'ho conosciuto per caso, ha fatto la comparsa in "Dogman" e dopo aver letto le sue poesie, bellissime, non ho avuto dubbi. Gli altri due mi hanno convinto perch non volevo dei 'bulli e basta', sono bulli ma anche impacciati, non volevo stereotiparli. Vogliono fare i grandi e i tosti, ma chi sono realmente?".

A loro si aggiungono tre nomi noti, Abel Ferrara, Aniello Arena e Marcello Fonte. "Abel ha la faccia perfetta, un'espressivit intensa, e anche gli altri due hanno un'esperienza di vita oltre che artistica importante. Sono stati contenti di essere coinvolti, si sono rivelati molto disponibili e hanno fatto amicizia coi ragazzi".

E nel futuro? "Il corto avr una sua vita festivaliera, intanto. Per il prossimo futuro sono stata molto affascinata dal romanzo 'La citt dei vivi', insieme a Galbiati abbiamo iniziato a scrivere un corto su queste atmosfere: Roma la mia citt, bellissima ma anche marcissima".

03/12/2021, 10:00

Carlo Griseri