CINECITTÀ SI MOSTRA
I Viaggi Di Roby

RENATO SCARPA - Il cinema italiano piange
la morte di un grande attore


Con oltre 100 interpretazioni ha segnato profondamente la storia del cinema italiano, al fianco di Troisi, Verdone, Bellocchio, Moretti e tanti altri.


RENATO SCARPA - Il cinema italiano piange la morte di un grande attore
Stanislavskij diceva che "non ci sono piccoli ruoli, ci sono solo piccoli attori". Perchè il valore di un'interpretazione non si giudica dalla dimensione del ruolo, ma dal talento con cui la si affronta, dal saperla o non saperla fare "brillare".

E infatti Renato Scarpa, venuto a mancare all'età di 82 anni per un improvviso malore nella sua casa romana, è stato un attore gigantesco, capace di illuminare ogni singolo fotogramma della sua splendida e lunghissima carriera.

Da grandissimo caratterista, in oltre cento tra film, sceneggiati televisivi e serie, ha cavalcato con maestria dal dramma alla commedia, dando vita a personaggi indimenticabili.

Nichetti, Troisi, Bellocchio, De Crescenzo, Cavani, Moretti, i fratelli Taviani, Argento, Verdone, Garrone: dal finire degli anni '60 ad oggi la sua vita si è legata a doppio nodo con la storia del cinema italiano, e tante sono le parole ricche d'amore nei suoi confronti che colleghi e amici del settore stanno esprimendo in queste ore. Tra questi il regista Daniele Vicari,che con Scarpa lavorò in "Diaz" che sul suo profilo Facebook lo ha così ricordato: "Era un uomo bellissimo, una persona stupenda. La fortuna di tutti i registi che ci hanno lavorato, me compreso. Qualche mese fa ha voluto regalare alla Scuola Volonté una intera raccolta di “Cinema” e “Cinema Nuovo”: «a voi possono servire». Caro Renato, a noi serve tutto ciò che hai fatto."

31/12/2021, 07:38

Antonio Capellupo