CINECITTÀ SI MOSTRA
I Viaggi Di Roby

LOCARNO 75 - La Retrospettiva sarà dedicata a Douglas Sirk


LOCARNO 75 - La Retrospettiva sarà dedicata a Douglas Sirk
Il primo tassello dell’edizione del 75esimo anniversario del Locarno Film Festival (3-13 agosto 2022) è la Retrospettiva consacrata al regista Douglas Sirk, a 35 anni dalla sua scomparsa. I preziosi e inediti documenti conservati negli archivi della Cinémathèque suisse forniranno la chiave di lettura storiografica per ricontestualizzare un autore riscoperto e amato dalla Nouvelle Vague e da registi come Rainer W. Fassbinder e Bernardo Bertolucci. Celebre per i melodrammi realizzati a Hollywood per la Universal, Sirk si era ritirato in Svizzera dopo il rientro in Europa.

Dal 1950, il Locarno Film Festival, tra le manifestazioni cinematografiche più longeve e di rilievo a livello europeo e mondiale, persegue senza sosta l’impegno di preservare la memoria della settima arte. Con le retrospettive locarnesi, infatti, alla scoperta nell’ambito del cinema giovane ed emergente, si è aggiunta la riscoperta delle opere del passato e la valorizzazione di personalità e movimenti che hanno fatto del cinema una delle forme più alte di arte popolare. Per questo il Festival è lieto di proseguire il suo viaggio tra le figure chiave della Hollywood classica facendo luce su un cineasta che, mettendo in primo piano l’espressione radicale delle passioni, ha ispirato intere generazioni di cineasti, da Jean-Luc Godard a Rainer W. Fassbinder e Daniel Schmid, fino a Pedro Almodóvar, John Waters, David Lynch, Todd Haynes e François Ozon.

Nel celebrare il proprio 75esimo anniversario (3-13 agosto 2022), il Festival omaggia, a 35 anni dalla scomparsa, Douglas Sirk: un autore che ha attraversato tutta la storia del Novecento, saldando la sensibilità europea, maturata nell’alveo del teatro tedesco di inizio secolo, il cinema di Weimar e non solo, e il sistema statunitense degli Studios, con i suoi linguaggi e le sue logiche produttive, per infine approdare in Svizzera, ritiro scelto per gli ultimi anni di vita, segnati da un’attività creativa e intellettuale incessante e poco nota.

Giona A. Nazzaro, direttore artistico del Locarno Film Festival: “È giunto il momento di scoprire nella sua totalità un autore straordinario come Douglas Sirk attraverso tutte le sfaccettature del suo lavoro. Che ciò avvenga a Locarno, nel territorio scelto dal Maestro per trascorrere la parte finale della sua vita, evidenzia il forte legame fra Sirk e il Ticino. Sirk ha saputo smontare le ipocrisie della società creando alcuni dei melodrammi più fiammeggianti e politici di tutti i tempi. Intellettuale coltissimo, ha lavorato sottotraccia nei generi popolari valorizzando attori come Rock Hudson, Jane Wyman, Dorothy Malone, Robert Stack, Lana Turner, Jack Palance, Jeff Chandler e ha offerto persino a uno sconosciuto James Dean la sua prima opportunità professionale. Riscoperto dalla Nouvelle Vague, amato da Bertolucci e difeso da Rainer W. Fassbinder, da Daniel Schmid e Todd Haynes, il lavoro di Sirk, grazie alla Retrospettiva locarnese, potrà essere apprezzato in tutta la sua enorme ricchezza”.

20/01/2022, 12:25