I Viaggi Di Roby

TINTORETTO - L’ARTISTA CHE UCCISE LA PITTURA - Dall'11 aprile in sala


TINTORETTO - L’ARTISTA CHE UCCISE LA PITTURA - Dall'11 aprile in sala
Dopo la selezione ufficiale in importanti Festival internazionali di Film d’Arte come il FIFA di Montrčal in Canada e il Beirut Art Film Festival, esce nelle principali sale cinematografiche italiane, l’11, il 12 e il 13 aprile 2022, il documentario biografico TINTORETTO. L'ARTISTA CHE UCCISE LA PITTURA.
In anteprima esclusiva il docufilm sarŕ visibile, alla presenza del regista Erminio Perocco, il 4 aprile a Milano al Cinema Mexico, il 6 aprile a Roma al Cinema Eden e l'8 aprile a Venezia al Multisala Rossini.

Un racconto filmico originale, una coproduzione internazionale – Kublai Film, Videe, ZetaGroup, Gebrueder Beetz Filmproduktion - in collaborazione con la rete televisiva franco-tedesca ARTE, con la regia di Erminio Perocco e le musiche di Carlo Raiteri e Teho Teardo - ci conduce nei luoghi che videro muoversi e operare Tintoretto nella Venezia del Cinquecento, rievocando le atmosfere del tempo, le luci della cittŕ vibrante sull’acqua e i colori dei preziosi pigmenti che giungevano nella Serenissima come in nessun altro luogo e di cui Jacopo, figlio di un tintore, sapeva servirsi con straordinaria maestria.

Irrequieto e caparbio, determinato nella costruzione della propria carriera, Tintoretto volle contrapporsi allo stile e alle mode del tempo, giungendo per primo a sfaldare la pennellata, a usare il non finito, imponendo prospettive diverse all’interno di uno stesso quadro, soluzioni inattese e audaci che - coniugando le esperienze della pittura, della scultura e dell’architettura - diedero vita a narrazioni complesse, storie che si svolgono dinnanzi agli occhi dello spettatore fino ad assorbirlo e a renderlo parte delle stesse.

Tintoretto come un regista cinematografico ante litteram; Tintoretto che dall’esperienza del teatro (ove pure aveva lavorato), č stato capace di trasporre in pittura l’azione scenica e la forza espressiva dei movimenti dei corpi, come evidenzia il documentario con fascinosi tableux vivant; Tintoretto capace di infrangere le regole della pittura unendo la potenza del disegno di Michelangelo e la tavolozza di Tiziano: il “primo poeta maledetto della storia”

29/03/2022, 11:57