I Viaggi Di Roby

BIOGRAFILM 2022 - In cartellone "Rimini"
e "All the streets are silent"


BIOGRAFILM 2022 - In cartellone
In attesa di arrivare nelle sale italiane con WANTED CINEMA, entrano nel cartellone del BIOGRAFILM FESTIVAL i film “RIMINI” di Ulrich Seidl (che verrà proiettato il 14 giugno alle ore 21:00) e “ALL THE STREETS ARE SILENT” di Jeremy Elkin (il 19 giugno alle ore 14:30).

Presentato alla 72° edizione del Festival di Berlino, “Rimini” è un film pungente, che turba e diverte, uno spietato ritratto del mondo in cui viviamo ma sensibile alla caducità dell’esistenza.

Ex stella della musica tradizionale austriaca, Richie Bravo è un attempato cantante che si esibisce per pochi soldi in tristi alberghetti di Rimini, accogliendo annoiate comitive di anziani gitanti invernali. Arrotonda come gigolò per alcune spettatrici solitarie, spendendo le residue energie erotiche. Ma una figlia ventenne, avuta da una ex, pretende da lui anni di alimenti non versati alla madre, costringendo l’uomo a trovare mezzi più spicci per raccogliere denaro.

“Rimini”, atteso nelle sale italiane con WANTED CINEMA a fine agosto, è un film per spettatori curiosi, un grande affresco d’autore, atteso da tempo, in bilico tra sordido ed epico.

Ambientato tra 1987 e il 1997 a Manhattan “All the Streets Are Silent: The Convergence of Hip Hop and Skateboarding” documenta un periodo in cui i marciapiedi di New York prosperavano grazie a due subculture di riferimento che hanno iniziato a integrarsi: hip-hop e skateboard. Con una soundtrack iconica e la narrazione di Eli Morgan Gesner, il regista Jeremy Elkin rievoca la magia di quel periodo esaltante con inedite immagini di repertorio e testimonianze di famosi personaggi allora ragazzi di strada, come Rosario Dawson, Fab5 Freddy, Stretch Armstrong, Leo Fitzpatrick, Moby e Darryl McDaniels. Il docu-film arriverà nelle sale italiane a fine luglio.

Wanted è una società di distribuzione cinematografica nata all’insegna del manifesto: «Vogliamo proporre voci e linguaggi rivoluzionari, affrontare argomenti scomodi, farvi ascoltare solo chi ha davvero qualcosa da dire, contro le logiche omologanti della legge di mercato, chiedervi di alzare la mano per il cinema che davvero volete, pellicole raffinate, clandestine, fuori dal coro, voci nuove, non convenzionali, a tratti rivoluzionarie, temi senza tempo e quindi sempre attuali».

31/05/2022, 16:46