Festival Internazionale della Cinematografia Sociale \
!Xš‚‰

CINEMA IN VERTICALE - Il 24 marzo proiezione di "Climbing Iran"


CINEMA IN VERTICALE - Il 24 marzo proiezione di
“Cinema in Verticale” è la rassegna sul cinema, la cultura e gli sport di montagna che propone numerosi eventi in anteprima al Valsusa Filmfest la cui 27^ edizione si svolgerà dal 1° aprile al 5 maggio 2023.

Venerdì 24 marzo 2023 al cinema comunale di Condove Francesca Borghetti presenterà “Climbing IRAN”, il film co il quale racconta la vicenda dell'arrampicatrice iraniana Nasim Eshqi, che dopo essersi distinta in diversi sport, a 23 anni ha iniziato a scalare, rivendicando il diritto di salire in vetta oltre la forza di gravità e le difficoltà di essere donna nel proprio paese.

Il film ha vinto il premio del pubblico come “Miglior Film di Alpinismo” al 69° Trento Film Festival.

La regista dialogherà con l’alpinista e scrittrice Linda Cottino.
Nasim ha mani forti e unghie dipinte con smalto rosa shocking. È una pioniera dell’arrampicata all’aperto in Iran, dove le donne arrampicano su pareti artificiali durante orari stabiliti, solo tra donne. Dopo essere stata una giovane campionessa di diversi sport – dal karate al kickboxing – Nasim ha seguito il richiamo della natura e nel 2005, a 23 anni, ha deciso di andare oltre le barriere imposte alle donne del suo Paese, costruendo la propria strada sulle montagne persiane, dove ha aperto una cinquantina di nuove vie. Lo sport aiuta la giovane Nasim a riscattarsi da un futuro di prevaricazioni: durante il periodo dell’università, assiste a competizioni femminili e comprende che essere una donna con dei progetti è un sogno per il quale vale la pena combattere.

Ora Nasim Eshqi di anni ne ha 40, è la numero uno in Iran e una delle più note atlete iraniane al mondo. Rivendica il diritto di arrivare in vetta sfidando la forza di gravità senza il peso delle discriminazioni. Per lei il free climbing è espressione di libertà e la montagna è il suo destino.

Il film è il ritratto di una donna straordinaria, determinata a superare le barriere che si oppongono alla sua passione, siano esse fisiche, sociali, psicologiche, geografiche o ideologiche. Impegnata a “cambiare le cose a poco a poco”, porta altre giovani donne sulle pareti di roccia, poco fuori Teheran, insegnando loro come arrampicarsi e diventare indipendenti.

10/03/2023, 14:28