!X

BERGAMO FILM MEETING 41 - I corti del Premio Olmi


BERGAMO FILM MEETING 41 - I corti del Premio Olmi
Sono stati mostrati al Bergamo Film Meeting numero 41 i cortometraggi italiani vincitori del Premio Ermanno Olmi, tre lavori profondamente diversi tra loro che rispecchiano, ognuno a suo modo, l'anima e l'arte del grande regista lombardo.

Il cortometraggio vincitore "Flores del precipicio" di Andrea Gatopoulos, cortometraggio prodotto da Werner Herzog. Due persone in un auto, su un'isola in cui tutte le case sono bianche: Lucia appena tornata e si deve confrontare con ci che ha lasciato e con ci che (non) ritrova. Quindici anni sono lunghi, ma per raccontarli a volte bastano pochi minuti e ancor meno parole: Gatopoulos costruisce un racconto con pochi elementi, come Olmi avrebbe sicuramente apprezzato.

Il secondo posto stato invece del curioso "La Vera Storia della Partita di Nascondino Pi Grande del Mondo" di Paolo Bonfadini, Irene Cotroneo, Davide Morando: un mockumentary divertente e ben girato in un paesino del Piemonte, in cui tutta una comunit si cimenta con grande impegno in una gara a nascondino fino all'ultimo respiro...

Una menzione speciale, infine, stata legata a La religione delle piccole cose, motivo che permea il lavoro del regista bergamasco e le sue testimonianze di una ricerca spirituale che poco ha a che fare con i dogmi, mentre si realizza nelle relazioni umane, nel rapporto con la natura e nella capacit di cogliere la poesia del quotidiano. In questo senso a essere ritenuto il migliore il corto "Sonnenstube" di Davide Palella, viaggio sperimentale e molto evocativo nel lavoro di Sergio Cortesi, che ha dedicato la sua vita allosservazione del Sole.

14/03/2023, 12:22

Carlo Griseri