Festival Internazionale della Cinematografia Sociale \
!Xš‚‰

BERGAMO FILM MEETING 41 - "Le prix du passage"


BERGAMO FILM MEETING 41 -
Il penultimo film della mostra concorso della 41.ma edizione del Bergamo Film Meeting è “Le prix du passage” del regista francese Thierry Binisti.

Presentato in anteprima in Italia, in Francia uscirà nelle sale il prossimo 12 Aprile. Scritto da Sophie Gueydon e Pierre Chosson (candidato ai César per la migliore sceneggiatura originale del 2015 grazie a Hippocrates), la storia è incentrata sulla venticinquenne Natacha, una giovane madre single che fa la cameriera in uno snack bar e che è in difficoltà crescere il figlio Enzo di 8 anni.

Divisa tra il forte desiderio di emancipazione e il continuo e pressante conforto che sua madre Irène insiste nell'offrirle, Natacha si sente in trappola. L'incontro con Walid, immigrato irregolare iracheno, che attende di aver raccolto fondi sufficienti per pagarsi il viaggio in Inghilterra, le aprirà gli occhi su nuovi orizzonti e l'aiuterà a compiere passi verso una nuova vita, non senza rischi però. L’argomento trattato, l’immigrazione clandestina ed il ruolo dei trafficanti, è scottante e quanto mai attuale. Il pregio del regista è di farci entrare, con l’aiuto potente della macchina del cinema, in un mondo che pensiamo di conoscere dai media ma di cui, in effetti, abbiamo solo una percezione marginale.

Vite completamente diverse quelle di Natacha e Walid, interpretati splendidamente da Alice Isaaz e Adam Bessa, ma che si accomunano in un desiderio di libertà e di rinascita da situazioni simili tragiche ed insostenibili. C’è anche un po’ di Italia, con la canzone iniziale scritta appositamente per il film, che la protagonista Natacha e il figlio Enzo cantano spensieratamente e con gioia, e che poi si ripete nel finale dove finalmente una nuova vita comincia…

Il regista, presente in sala, ci spiega: “sviluppare la storia intorno ai personaggi di Natacha e Walid ci ha permesso, in qualche modo, di parlare di due mondi totalmente diversi, due universi paralleli che si incontrano e scontrano, anche grazie alla finzione”.

17/03/2023, 08:15

Luca Corbellini