Fare Cinema
banner430X45

BIOGRAFILM 20 - Annunciati i primi titoli


BIOGRAFILM 20 - Annunciati i primi titoli
Per la sua ventesima edizione, dal 7 al 17 giugno a Bologna, Biografilm è rappresentato da un'immagine che rende omaggio alle tante storie di vita che ha raccontato. I volti iconici delle edizioni passate del Festival compongono il nuovo artwork, elaborato da Studio Roof, in cui i protagonisti e le protagoniste di vent'anni di Festival si uniscono per ribadire l'unicità e il valore di ogni biografia, da quelle più note a quelle più nascoste.

Farà parte del programma del Festival in anteprima italiana Reas di Lola Arias, scrittrice e regista teatrale e cinematografica argentina, la cui opera artistica esplora i confini tra realtà e finzione. Arias ha ricevuto il premio Ibsen 2024, il riconoscimento più prestigioso al mondo in ambito teatrale. Reas (2024, Argentina, Germania, Svizzera, 82'), a metà tra musical e documentario, presenta un gruppo di donne che rievocano la loro vita in una prigione di Buenos Aires. Al centro di questo insolito film ci sono i diritti civili, le istanze LGBTQI+, i percorsi di vita drammatici, ma anche la musica, le canzoni, il voguing.

Utilizza il linguaggio della musica e della performance anche Turn in the Wound di Abel Ferrara (2024, Regno Unito, Germania, Italia, Stati Uniti, 77'), documentario poetico sull'esperienza della guerra nella vita delle persone, alla ricerca di un significato nella sofferenza, che sarà a Biografilm 2024 in anteprima italiana.
La voce di Patti Smith, che canta e recita opere di Artaud, Daumal e Rimbaud, si unisce alle parole dei soldati e delle persone che vivono nelle zone di combattimento dell'Ucraina. Una profonda riflessione emotiva sull'anelito alla libertà di fronte alla violenza. Il film sarà a Biografilm 2024 in anteprima italiana.

Offre una prospettiva diversa sull'Ucraina il documentario The Kyiv Files di Walter Stokman (2023, Paesi Bassi, 78'). Il racconto di tre storie emerse dall’ex archivio del KGB a Kyiv, reso pubblico nel 2017, quando gli ucraini hanno avuto accesso per la prima volta i loro dossier personali dell’era sovietica, ottenendo risposte a domande che li perseguitavano da decenni.
Il film farà parte di Biografilm 2024, in collaborazione con Pordenone Docs Fest.

L'anteprima italiana, condivisa dai due festival, sarà l'11 aprile a Pordenone, alla presenza dell'economista ucraina Oleksandra Romantsowa, fondatrice e direttrice della ong ucraina Center for Civil Liberties, Premio Nobel 2022 per il coraggioso impegno in difesa dei diritti umani e a favore delle riforme democratiche. I direttori artistici di Biografilm Chiara Liberti e Massimo Benvegnù: “Abbiamo accolto con grande piacere l'offerta di Pordenone Docs Fest di condividere l'anteprima italiana di questo film, nello spirito di collaborazione che vorremmo vedere sempre di più all'interno dei festival italiani.”

04/04/2024, 12:10