CINECITTÀ SI MOSTRA
I Viaggi Di Roby

Alessio Genovese


Filmografia dal 2000:
2021 » corto Jabal - La Montagna: regia, soggetto, sceneggiatura, montaggio
2016 » doc Sul Fronte del Mare: Riprese
2013 » doc EU 013, l'Ultima Frontiera: regia, soggetto, sceneggiatura, produttore

Biografia:
Regista e reporter, Alessio Genovese è nato a Napoli nel 1981 ed è cresciuto tra qui e la Sicilia. Inizia a scrivere i primi racconti da giovanissimo e presto si appassiona alla fotografia. Frequenta il Centro Internazionale di Ricerca sull'Attore, dove studia le tecniche di Etienne Decroux e della Commedia dell'Arte. Si laurea in Comunicazione di Massa e Giornalismo a Perugia. Nel 2004 parte a piedi per il giro del Mediterraneo, per una scommessa persa. Dopo l'esperienza di questo viaggio (durato 9 mesi con un budget di 700€) si dedica alla conoscenza dell'arabo. Nel 2007 si trasferisce a Damasco dove vive fino al 2010. I suoi reportage dalla Siria e dal resto del Medio Oriente sono stati pubblicati in Italia e all'estero. Nel 2010 co-dirige il cortometraggio “Vite in Attesa”. Nel 2011-2012 lavora come autore di documentari seguendo per Rai Tre l'evolversi delle rivoluzioni in Tunisia e Libia. Alla fine del 2012 torna in Siria, dove è testimone della distruzione di Aleppo e delle provincie del nord. Lo stesso anno vince il premio Maria Grazia Cutuli del Corriere della Sera ed è finalista per la seconda volta al premio Ilaria Alpi DOC. Nel 2013 dirige “EU 013 l'Ultima Frontiera”, primo film documentario a raccontare i “centri di detenzione” (CIE) per migranti irregolari, presentato in anteprima mondiale al Festival dei Popoli e in anteprima internazionale al Festival di Rotterdam. Nel 2016 fonda il progetto “FunKino - Cinema for Inclusion” per formare giovani di diversa provenienza ai mestieri del cinema con l’intento di stimolare la nascita di un nuovo immaginario tramite la scrittura partecipativa. Nel 2020 dirige il cortometraggio “Jabal”, il cui soggetto è stato scritto dai giovani che hanno preso parte al progetto “FunKino” nel 2019, interpretato da Mimmo Cuticchio, Simona Malato e Cecilia Arena.
(ultima modifica: 01/03/2021)

Note:
Premi e nomination: Premio Cutuli 2012, finalista Premio Ilaria Alpi 2012, finalista Generazione Reporter 2012