I viaggi di Roby

L'Incontro


Regia: César Augusto Meneghetti, Elisabetta Pandimiglio
Anno di produzione: 2010
Durata: n.d.
Tipologia: documentario
Genere: sociale/sportivo/storico
Paese: Italia
Produzione: B+W Filmes, Retrobottega
Distributore: n.d.
Data di uscita: n.d.
Formato di ripresa: DV
Formato di proiezione: DV, colore
Titolo originale: L'Incontro
Altri titoli: Tne Eccounter

Sinossi: Il 7 giugno 1964 tutta Bologna seguì con il fiato sospeso la partita di spareggio contro l’Inter: in palio l’assegnazione dello scudetto.
La vittoria non rappresentò un semplice trionfo sportivo, ma anche l’insperata rivalsa di un’intera città, dopo la serie di congiunture negative che avevano scandito la storia della squadra in quel periodo.
Attorno a quel fatto collettivo, reso singolare anche dai fatti che vennero prima e dopo, si snodava la normale e prosaica quotidianità di tutti, con momenti più o meno memorabili per chi si trovò a viverli.
Il film ripercorre questa giornata tra documenti inediti e il racconto dei campioni che la resero indimenticabile: gli ex calciatori del Bologna, che disputarono lo storico spareggio, raccontano la loro personale esperienza rivelando retroscena inediti, episodi poco noti o apparentemente marginali che in qualche misura contribuirono a rendere quell’incontro un vero e proprio caso.
Un tifoso bolognese insegue con la memoria quel giorno lontano, eppure ancora vivo ed emozionante; rivive la sua prima volta allo stadio con il padre e quell’incontro che divise la sua vita in due tempi, non simmetrici e perfetti come quelli di una partita, però, perché un dramma personale pose fine prematuramente alla leggerezza della sua infanzia.
La ricostruzione collettiva di quel momento irripetibile conduce inevitabilmente a Giacomo Bulgarelli grande campione scomparso da alcuni mesi, protagonista di primo piano dello spareggio e dell’intera storia del Bologna calcio.
Un film che parla di calcio, sì, ma soprattutto di amicizia, di vecchiaia, di sogni, quelli realizzati e quelli sepolti per sempre, della possibilità di vedere oltre il visibile. E poi parla di memoria con i suoi percorsi indecifrabili tra i quali ci si può anche perdere o semplicemente rinascere reinventando il proprio tragitto ideale.

Sito Web: http://filmlincontro.blogspot.com/

Ambientazione: Bologna

"L'Incontro" è stato sostenuto da:
Cineteca Comunale di Bologna (Officinema. La Bottega dei Mestieri)


Libri correlati:
"L'Incontro. Libro+DVD"
di César Augusto Meneghetti, Elisabetta Pandimiglio, Limina Edizioni, collana Linea Bianca, 2010
Il film ripercorre le scabrose vicende che accompagnarono la partita di spareggio per lo scudetto Bologna - Inter del 7 giugno 1964, tra documenti inediti, rivelazioni sorprendenti e il racconto dei campioni che la resero un evento indimenticabile. Il DVD è già in vendita, presso le librerie Feltrinelli con il n.9/2010 di Linea Bianca, trimestrale di scienze e cultura calcistica (edizioni Limina, euro 17,90 libro + dvd).
prezzo di copertina: 17,90


Note:
LA PARTITA DELLO SPAREGGIO
BOLOGNA-INTER: 2-0
Bologna: Negri s. v.; Furlanis 8; Pavinato 7; Tumburus 8; Janich 9; Fogli 9; Perani 7; Bulgarelli 5; Nielscn 8; Haller 6; Capra 6.
Inter: Sarti 6; Burgnich 6; Facchetti 6; Tagnin 6; Guarneri 6; Picchi 9; Jair 4; Mazzola 4; Milani 5; Suarez 8; Corso 5.
Marcatori: Fogli al 30', Nielsen al 39' della ripresa.
Arbitro: Lo Bello
Note: pomeriggio di sole, assai caldo. Un lieve ponentino dall'orario di inizio. Spettatori 51 mila paganti, 97.000.000 di lire. Terreno ottimamente inerbato. Nessun incidente, se si eccettua qualche pestone a Suarez e Jair. Disposizioni delle squadre: Picchi e Janich liberi. L'ala sinistra Capra occupa la zona del terzino sinistro. Fogli segue Corso, che non lo segue. Tagnin su Bulgarelli e Burgnich su Haller. Suarez senza avversari diretti. Furlanis su Mazzola. Angoli: Inter 7, Bologna 4 (p. t. 1-3). Antidoping per Facchetti, Tagnin, Corso, Pavinato, Tumburus e Capra.
ROMA - Il Bologna ha battuto l'Inter e si consacra campione d'Italia 1964. L'Inter ha subito dal Bologna lo stesso modulo tattico inflitto al Real Madrid sul terreno del Prater. Davvero, possiamo sportivamente compiacerci che per conquistare il titolo italiano il Bologna abbia dovuto superare, e con pieno merito, la squadra campione d'Europa! Il Bologna aveva disputato un ottimo campionato fino al momento della condanna per doping. Poi ha arrancato parecchio, avendo attenuanti soprattutto psicologiche. Riottenuti i punti della condanna di prima istanza, il Bologna si è ritrovato alla pari dell'Inter e lo spareggio si è reso inevitabile.


Video


Foto