banner430X45

Miradas


Regia: Tomaso Mannoni, Mauro Palmas
Anno di produzione: 2024
Durata: 59'
Tipologia: documentario
Genere: musicale/sociale
Paese: Italia
Produzione: Associazione Culturale Elenaledda Vox
Distributore: n.d.
Data di uscita: 21/05/2024
Formato di proiezione: DCP, colore
Ufficio Stampa: Riccardo Sgualdini
Titolo originale: Miradas

Sinossi: "Miradas" riproduce l'autenticitÓ di "Mare e Miniere", la rassegna itinerante di musica, canto e danza di matrice popolare che si snoda ogni anno dalla primavera all'autunno tra vari centri del sud Sardegna, attraverso sequenze dei concerti in scena in contesti inusuali e di grande suggestione, testimonianze degli artisti coinvolti e momenti tratti dai laboratori e dalle lezioni dei seminari che si tengono in giugno a Portoscuso: tra i docenti presenti nel film, il maestro di launeddas Luigi Lai, il Cuncordu e Tenore de Orosei, Giulia Cavicchioni con i suoi laboratori per bambini, gli stessi Mauro Palmas ed Elena Ledda, che insieme a Simonetta Soro cura l'affollato corso di canto popolare; e ancora, Riccardo Tesi, Mario Incudine, Andrea Piccioni, Silvano Lobina, Marcello Peghin, Alessandro Foresti, Nando Citarella, Gigi Biolcati, Carlo Rizzo, Claudia Masika, i fratelli Simone e Nicol˛ Bottasso. Docenti e allievi, persone di ogni etÓ, estrazione e provenienza, volti, lingue, voci, suoni e stili che si intrecciano e si fondono in un'esperienza culturale unica, vissuta come occasione preziosa di partecipazione e crescita.

Sito Web: http://

"Miradas" Ŕ stato sostenuto da:
Fondazione di Sardegna


Note:
Mare e Miniere

╚ una rassegna itinerante di musica, teatro e danza che coinvolge, dalla primavera all'autunno, piccoli e grandi Comuni della Sardegna, incastonati in un ambiente naturale straordinario e legati a una profonda cultura mineraria, che continua a vivere e a testimoniare nel silenzio dei siti dismessi e nel fascino architettonico dei villaggi abbandonati.

Mare e Miniere nasce nel 2006 ad opera della SocietÓ Umanitaria di Carbonia che, con la direzione artistica di Mauro Palmas, realizza le prime tre edizioni fino al 2008. Nel 2009 viene realizzata dallo stesso direttore artistico con la collaborazione dell'associazione Art'In di Cagliari. Dopo due anni di pausa, nel 2012 Mare e Miniere diventa definitivamente un progetto dell'associazione elenaledda vox, della quale Mauro Palmas, nel 2001, Ŕ socio fondatore.

Guidata artisticamente da Elena Ledda, l'associazione Ŕ impegnata da oltre un ventennio a favore della diffusione del patrimonio linguistico, musicale e letterario della Sardegna che si apre al confronto con le culture di tutto il Mediterraneo, fino a incontrare generi e mondi espressivi solo apparentemente lontani come il jazz e la musica classica.

Mare e Miniere vive, quindi, nell'esperienza maturata nel corso di percorsi artistici costellati di concerti e produzioni musicali originali in tutto il mondo, a partire dalle pi¨ piccole realtÓ isolane; vive nell'amore per una terra ricca di meraviglie naturali e peculiaritÓ culturali e dalla convinzione che queste costituiscano realmente una potenza capace di generare crescita culturale, sociale ed economica.

Conservando l'entusiasmo dei suoi esordi, l'associazione ha intrapreso un cammino non facile, fuori dalle tentazioni di spettacoli di immediata presa sul pubblico presentando negli anni produzioni originali ambiziose: una proposta che Ŕ stata e continua a essere una scommessa nell'attrarre un pubblico sempre pi¨ vasto, soprattutto giovanile, pi¨ facilmente esposta alle seduzioni di una cultura che sollecita un acritico consumo di immagini e slogan.

Prevalentemente dedicata alle espressioni di matrice popolare, Mare e Miniere propone eventi realizzati da artisti di rilievo internazionale, protagonisti di ricerca, studio e sperimentazione, che offrono la chiave per la visione colta di un genere comunemente relegato tra i minori; genere che Mare e Miniere predilige in quanto voce genuina dell'anima dei popoli, espressione di emozioni e passioni nelle quali lo spettatore di qualsiasi etÓ o estrazione culturale pu˛ immedesimarsi e riconoscersi; espressione che, per la sua immediatezza comunicativa, si traduce naturalmente in educazione: alla conoscenza delle proprie radici storiche, linguistiche e culturali per una pi¨ sana comprensione della realtÓ nelle nostre societÓ multietniche; alla formazione di una pi¨ solida coscienza identitaria per un pi¨ proficuo confronto umano, sociale, culturale, a partire dalle proprie forze e peculiaritÓ; alla valorizzazione delle diversitÓ come valore aggiunto di umanitÓ e indispensabile punto di partenza per la costruzione di nuova crescita economica; alla profonditÓ del sentire, all'empatia, allo scambio, alla vicinanza; alla ricerca di ricchezza e bellezza che trascendano i canoni imposti da consumismo e globalizzazione e si traducano in rispetto e cura per l'essere umano e per il patrimonio ambientale; educazione al valore della memoria come insegnamento per il futuro.

La rassegna cresce negli anni e dal 2014 unisce alla parte spettacolare, giÓ ricca di concerti, momenti di teatro e danza, reading poetici, incontri letterari, presentazioni di libri, un'importante sezione formativa costituita dai Seminari di Canto, Musica e Danza Popolare, che sono divenuti il suo cuore pulsante. Ospitati dapprima anche a Gonnesa, Iglesias, Sant'Antioco e Villacidro, i seminari si svolgono oramai stabilmente nella suggestiva Tonnara Su Pranu di Portoscuso, coinvolgendo amministrazione comunale, strutture ricettive e commerciali, istituti scolastici e associazioni culturali, con i quali si sono instaurati rapporti amicali e di reciproco sostegno. Ogni anno la settimana di fine giugno, con lezioni al mattino e al pomeriggio e prestigiosi eventi serali, il borgo si anima di suoni, colori, musica e balli, con la partecipazione di centinaia di giovani e meno giovani, appassionati, musicisti, studiosi e giornalisti da tutta Europa e non solo. Un'esperienza unica di accoglienza, convivenza, confronto, scambio e crescita umana e formativa, che per tanti giovani talenti si traduce in avvio alla carriera artistica.

In linea con la tutela e la promozione del patrimonio ambientale e la centralitÓ dell'essere umano e del suo benessere psicofisico, che guidano l'intera rassegna, Mare e Miniere presenta anche lo speciale format Muidas (mormorii), pensato e realizzato da alcuni anni in collaborazione con l'associazione L'officina delle idee di Sarroch. Il format si caratterizza per la proposta di spettacoli in contesti naturali di assoluta suggestione, non facilmente raggiungibili e spesso poco conosciuti, nei quali lo spettatore pu˛ immergersi in un dialogo intimo tra arte e natura circostante.

La rassegna coinvolge tutta la Sardegna e prevalentemente piccoli Comuni e territori del Sulcis Iglesiente in cui sono presenti preziose testimonianze della storia mineraria accanto a uno straordinario ambiente naturale. Territori, un tempo protagonisti della rinascita economica dell'Isola e oggi contrassegnati da precarietÓ, che Mare e Miniere si propone di sostenere in un percorso di crescita verso l'acquisizione di un ruolo di centralitÓ. A tale scopo ha recentemente costituito la Rete Mare e Miniere tra Comuni aventi patrimonio ambientale, storico e archeologico similare, finalizzata a promuovere azioni condivise che favoriscano Io sviluppo sociale, culturale ed economico delle comunitÓ. Numerosi i Comuni che hanno ospitato la rassegna: Aggius, Alghero, Arbus, Buggerru, Cagliari, Carbonia, Carloforte, Fluminimaggiore, Gadoni, Giba, Gonnesa, Guspini, Iglesias, Ittireddu, Lula, Masainas, Monserrato, Muravera, Musei, Ozieri, Pula, Portoscuso, Quartucciu, Quartu Sant'Elena, Sant'Anna Arresi, Sant'Antioco, Sarroch, Sassari, Soleminis, Teulada, Villa San Pietro, Villacidro.

Mare e Miniere, con la direzione musicale di Mauro Palmas, Ŕ divenuta negli anni un appuntamento atteso, un punto di riferimento culturale per gli amanti della World Music, un'occasione imperdibile per quanti amano coniugare vacanze e studio, relax e interesse per l'ambiente, le bellezze naturali, la storia, l'archeologia, la musica, la danza, le tradizioni popolari. Mare e Miniere evoca l'incontro di acqua e terra nelle cui profonditÓ si sono compiuti e si compiono, purtroppo ancora oggi, i destini di molti uomini; Ŕ sole e straordinario ambiente naturale, suggestione dei villaggi minerari dismessi, silenzio, musica, e memoria che abbiamo il dovere di curare e preservare.


Video


Foto