-D30
I Viaggi di Robi

"Il Vento fa il Suo Giro" di Giorgio Diritto migliore opera
prima alla 27. Edizione del Premio “Sergio Amidei”


Il 27. Premio Internazionale alla Miglior Sceneggiatura “Sergio Amidei” di Gorizia che avrà inizio giovedì 17 luglio per terminare sabato 26 luglio 2008, organizzato dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Gorizia – Parco Culturale - e dall’Associazione di Cultura Cinematografica “Sergio Amidei” con la collaborazione dell’Università degli Studi di Udine (DAMS di Gorizia) e con il contributo della Regione Autonoma del Friuli Venezia Giulia e della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia attribuisce l’importante riconoscimento del Premio all’Opera Prima al film "Il Vento fa il suo Giro" di Giorgio Diritti. La giuria del Premio, composta dalla sceneggiatrice Suso Cecchi D'Amico dai registi Mario Monicelli, Ettore Scola e Franco Giraldi, , dal regista e sceneggiatore Giuseppe Piccioni, dallo sceneggiatore Francesco Bruni e dall'attrice Giovanna Ralli, dopo aver preso in considerazione titoli importanti come "La Ragazza del Lago", girato in Friuli Venezia Giulia e vincitore di numerosi premi di grande prestigio, e "Lascia Perdere, Johnny di Fabrizio Bentivoglio, che vede l’amato attore cimentarsi per la prima volta nel ruolo del regista, ha deciso di premiare il film di Diritti, regista bolognese che apprende i segreti del mestiere da Ermanno Olmi e da Pupi Avati. Il "Vento fa il suo Giro" affronta alcuni temi universali come la diversità, la ricerca d’identità, l’intolleranza all’interno di una comunità della Valle Maira, nelle Alpi Cozie meridionali ed è parlato in tre lingue: Italiano, francese e occitano. Nonostante il film abbia ottenuto riconoscimenti importanti in tutto il mondo, attraverso festival e
manifestazioni, non è riuscito a trovare un distributore ed è riuscito a farsi conoscere attraverso un lavoro di autodistribuzione da parte del regista, dei suoi collaboratori, della troupe e degli attori che sono anche coproduttori del film assieme alla Arancia Film (fondata dallo stesso regista Giorgio Diritti). Il valore artistico del film è testimoniato anche dal record ottenuto dal Cinema Mexico di Milano proietta il film quotidianamente da un anno.

30/06/2008, 08:00