Napoli Film Festival
I Viaggi di Robi

Note di regia del film "Tu la Conosci Claudia?"


Note di regia del film
Mi si chiede di buttare gi una paginetta per spiegare di cosa parla il nostro film e perch lho fatto in un certo modo e non in un altro. Note di regia, si chiamano. Le fanno tutti, mi spiegano, e le devi fare anche tu.
Ora, se proprio devo essere sincero, spiegare un film mi sembra una delle cose pi assurde che si possano fare, specialmente se a spiegarlo il suo autore. Per, siccome stare sempre nascosti una pratica piacevole ma faticosissima, approfitter di questo momento per rispondere allunica domanda che mi viene sempre posta: com lavorare con Aldo, Giovanni e Giacomo?

Ogni volta che si deve fare un film con Aldo, Giovanni e Giacomo, ci si trova di fronte a due categorie di pregiudizi: i pregiudizi dellintellettuale che odia i comici e i pregiudizi del comico che odia gli intellettuali. La cosa buffa che parlano in modo diverso, usano parole diverse, ma dicono le stesse cose. Lintellettuale lo fa con una smorfia di disgusto che gli increspa il pizzetto, il comico con la sicumera del praticone che conosce il mondo, ma i concetti, di solito, sono sempre la stessa manciata: Aldo, Giovanni e Giacomo non sono attori, ma maschere; devono solo far ridere, la storia solo un pretesto; le cose pi belle sono quelle improvvisate, bisogna lasciarli liberi; meno tempo ci si mette e meglio , cos non si perde la freschezza; lunica cosa importante che si vedano bene in faccia, il resto non serve a niente
Di solito, verso la fine del cineforum, salta su un cretino che propone di fare un film in cui si vedano i ciak e i microfoni, qualcuno ordina altre grappe, qualcun altro dice commedia dellarte e alla fine si barcolla felici verso casa, ognuno con le sue quattro verit.

I pregiudizi, si sa, sono odiosi, ma combatterli non facile. Ci vuole forza, coraggio e talento. Io, al massimo, posso cercare di schivarli, sperando di non fare troppi errori e pregando di non fare la figura del comico che vuol fare il di pi o, peggio ancora, del di pi che vuol fare il comico.
Mantenere un equilibrio tra questi due stupidi estremi difficile e pericoloso, quasi paralizzante, ma anche molto divertente.
Io, come tutti, sono convinto che Aldo, Giovanni e Giacomo abbiano un talento comico quasi inarrivabile, qualcosa di elementare e di primordiale che, oltre a essere irresistibile, anche impermeabile ai due orrendi virus che spesso colpiscono i comici: la volgarit e la stupidit.
Ma ho anche unaltra convinzione. Aldo, Giovanni e Giacomo portano con s qualcosaltro, una specie di verit che gli si legge negli occhi e nel modo in cui si muovono, una sorta di allegra malinconia, una vena di dignitosa tristezza che trovo bella.
Cercare di trovare un equilibrio tra questi due talenti, farli coincidere e convivere per quanto possibile, il motivo per cui mi piace lavorare con loro. E un piacere che inizia quando si scrive e continua sul set e in tutte le altre fasi del film. Ed anche una faticaccia. E un continuo scegliere tra qualcosa e il suo opposto, sperando di non sbagliare. A volte ci si riesce, a volte no. E dopo tutto questo gran lavorare, borbottare, pensarci su, il massimo che puoi ottenere soltanto un film.
Quello che ne venuto fuori stavolta , spero, una cosa graziosa, che cerca di non essere idiota e non ha altre ambizioni se non quella di far passare a delle persone una piacevole ora e mezza.

Massimo Venier