-D30
I Viaggi di Robi

Note di produzione del film "Scusa Ma Ti Voglio Sposare"


Note di produzione del film
Squadra che vince non si cambia. Dopo Scusa ma ti chiamo amore, Federico ed io, abbiamo lavorato con un grande entusiasmo al sequel del nostro primo fortunatissimo film.
Nella mia carriera, non ho mai prodotto il seguito di nessun film. Un caso? No.
Per quanto riguarda Il Ciclone ci avevo provato, senza riuscirci. Non facile fare i numero due. E lho capito solo quando mi sono messa al lavoro. Per fortuna, sia Federico Moccia che i vertici di Medusa, volevano continuare.
La squadra stata la stessa: Luca Infascelli e Chiara Barzini hanno affiancato Federico nella scrittura della sceneggiatura, il cast tecnico, di primissimo ordine e di grande esperienza, ci ha seguito in questa nuova avventura.
Naturalmente, anche gli attori sono stati riconfermati. Raoul Bova, dopo il grande successo personale ottenuto con Scusa ma ti chiamo Amore, si reso disponibile, riservandosi di decidere, solo dopo aver letto molte versioni della sceneggiatura.
In genere, i sequel, non sono quasi mai allaltezza del primo, quindi il grande lavoro e stato quello di cercare una storia ancora pi avvincente, romantica ed insieme brillante e divertente. Impresa non facile.
Raoul veramente perfetto, intenso. Secondo me, si molto divertito a reinterpretare Alex. In questo film ancora pi bello, romantico e determinato.
Michela Quattrociocche adorabile. Il suo primo piano: disarmante. Diventa sempre pi brava. Ha studiato e si vede.
Tutti gli altri attori: gli amici di lui, le amiche di lei, i genitori, sono ancora pi presenti e decisivi per la storia.
Una novit c e si chiama Andrea Montovoli: giovane, bello, ancora acerbo ma. una vera tentazione per la nostra Niki e non solo.
Produttivamente Scusa ma ti voglio Sposare, vuole essere una commedia di qualit. Ambienti e costumi ricercati, niente volgarit, un film per tutti, non solo per ragazzini. Federico Moccia ha fatto un grande lavoro. Il suo e stato il compito pi arduo, ma ha dimostrato di essere un regista bravo, attento, capace di raccontare una storia e di saper divertire.
Dopo Scusa ma ti chiamo Amore, Scusa ma ti voglio Sposare, vorrebbe essere solo il secondo di una lunga serie di commedie per il grande pubblico.

Rita Rusic