FilmdiPeso - Short Film Festival

Girls on the air: emanciparsi nell'Afghanistan post-taliban


Il documentario di Valentina Monti racconta le vicende di un gruppo di giovani giornaliste afghane e della prima radio indipendente e comunitaria formata dalle donne per le donne.


Girls on the air: emanciparsi nell'Afghanistan post-taliban
Armate di microfono e registratore entrano nei tribunali, nelle universit, negli orfanotrofi, camminano per le strade di Herat e nei villaggi pi sperduti intervistando uomini ma soprattutto donne fornendo istantanee sull'Afghanistan post-regime, un Paese che cambiato e continua a cambiare. Ogni giorno.

Sono le ragazze di Radio Sahar, protagoniste del documentario di Valentina Monti dal titolo "Girls In The Air", finalista al Contest, il festival dedicato al cinema documentaristico organizzato dal Cinema Aquila di Roma.
La Monti torna, con questo lavoro, a occuparsi di radio, come gi nel precedente documentario del 2004 "Radio La Colifata", storia dell'emittente radiofonica del'ospedale psichiatrico di Buenos Aires. E, anche in questo caso la storia di quelle che meritano di essere raccontate.
Humaira una venticinquenne laureata in giornalismo che, qualche anno fa, ha deciso di mettere in piedi una piccola radio indipendente formata unicamente da donne, con l'obiettivo preciso di diffondere nella popolazione (in particolare quella femminile, tradizionalmente vessata da ingiustizie e discriminazioni di ogni genere) una maggiore e pi profonda consapevolezza in materia di diritti civili.

La formula semplice quanto efficace: utilizzare un linguaggio accessibile e arrivare a chiunque con uno strumento la radio appunto che il mezzo di comunicazione pi diffuso nel Paese. Fra gli ascoltatori di Radio Sahar infatti, non ci sono solo donne, ma anche molti uomini; un dato fondamentale secondo Humaira, proprio perch la cultura dei diritti civili si pu e si deve sedimentare in modo trasversale e a tutte le et. Ecco quindi le trasmissioni dedicate interamente ai bambini, che si affiancano a notiziari, interviste ma anche ai radiodrammi, nei quali si affrontano temi come la diffusissima violenza domestica.

Le ragazze di Radio Sahar danno una voce a chi non l'ha mai avuta, diffondono cultura fornendo cos degli strumenti per andare verso un cambiamento reale, quello che vorrebbe l'Afghanistan un Paese nel quale alle donne possibile scegliere: scegliere con chi sposarsi, scegliere di lavorare, scegliere di essere indipendenti.

Una storia di coraggio ed emancipazione che viene da un Paese spesso considerato a torto arreso a una condizione di ineluttabile arretratezza.

21/05/2011, 09:00

Lucilla Chiodi