Festival Internazionale della Cinematografia Sociale \
!X

"Muyeye", su DOC 3 storia di una follia africana


Il documentario su un gruppo di matti italiani che in Kenya vuole cambiare il mondo, mercoled 3 agosto 2011 su RAI 3.


l film "Muyeye - storia dello speciale rapporto tra un remoto villaggio della costa keniota e il mondo della malattia mentale italiana - approda su Doc 3, la trasmissione di RAI 3 dedicata al documentario d'autore, presentata dal giornalista Alessandro Robecchi. Ogni anno Doc 3 seleziona 15 tra i migliori documentari a livello internazionale: la serata del 3 agosto (a partire dalle 23:40) sar interamente dedicata a Muyeye, trasmesso per la prima volta in Italia. Il documentario, firmato dai registi Juliane R. Biasi e Sergio Damiani, prodotto da Kuraj film in collaborazione con Format - Centro Audiovisivi di Provincia Autonoma di Trento. Oltre 30 anni dopo la chiusura dei manicomi, i malati di mente in Italia vivono ancora sulla loro pelle pregiudizi e ostilit. Il documentario mostra che anche loro - i matti - sanno realizzare imprese straordinarie e i protagonisti del movimento del fareassieme di Le Parole Ritrovate sanno anche entrare in contatto con mondi diversi e lontani.

"Muyeye", che d il titolo al film, un villaggio polveroso sulla costa del Kenya. Qui in una capanna di fango vive la famiglia di Nebat Jumba che si mantiene spaccando sassi. Un giorno a Muyeye arrivano dei bianchi, eccentrici ma diversi dai soliti turisti. Sotto il vecchio baobab i nuovi venuti raccontano storie di malattia mentale, ma promettono anche di costruire una scuola professionale gratuita e aperta a tutti. E' il germoglio di un'amicizia che legher due mondi distanti, eppure accomunati dall'essere esclusi: i bianchi "matti" marchiati dal pregiudizio, i neri tagliati fuori dalle risorse e dal futuro. Ma Nebat ha un motivo in pi che lo lega ai nuovi amici: Riziki, la sua seconda moglie e madre dei suoi quattro figli, tornata al villaggio dei genitori perch considerata pazza. Un documentario sulla follia e sull'Africa che dimostra come anche i "matti" possano cambiare il mondo.

02/08/2011, 08:17