CINECITTÀ SI MOSTRA
I Viaggi Di Roby

"Il mondo sopra la testa", illusione e disillusione


Un piccolo cortometraggio animato quello proposto da Peter Marcias: "Il mondo sopra la testa" racconta di un mondo disegnato in cui c'è identità completa tra leader politico e potere assoluto, un mondo in cui un gruppo di gay, lesbiche e trans riesce a rapire il "capo dei capi" con il solo intento di chiedere un riscatto politico, diritti in cambio di rilascio.

Il potere sembra però più subdolo e invincibile che mai, e l'amarezza che traspare dalla visione del cortometraggio non può che disilludere uno spettatore convinto che nel 2012 la strada verso diritti uguali per tutti sia già stata presa.

Non è così, e pare inutile - almeno vedendo i 12 minuti senza speranza diretti da Marcias e animati con tratto leggero - sperare che le cose possano cambiare. Almeno in poco tempo. E almeno finché i governanti saranno così come sono.

24/04/2012, 11:00

Carlo Griseri