FilmdiPeso - Short Film Festival

Libro/film - "Un giorno speciale", il finale cambia tutto


Francesca Comencini segue per due terzi il racconto del libro di Claudio Bigagli, poi stravolge l'epilogo


Libro/film -
Difficile prescindere dallo stravolgimento del finale analizzando il rapporto tra il romanzo breve "Il cielo con un dito" di Claudio Bigagli e l'opera per lo schermo che ne ha tratto Francesca Comencini, "Un giorno speciale"...

"Erano anni che volevo raccontare una storia di questo tipo, poi finalmente ho scoperto questo libro", ha raccontato a Venezia la regista, spiegando cos perch ha scelto il romanzo desordio dell'attore Bigagli, breve e di rapida lettura, che racconta la prima giornata di lavoro di due giovani, mandati allo sbando in un mondo spietato.

Gina e Mario (Giulia Valentini e Filippo Scicchitano sullo schermo, che paiono corrispondere bene all'immagine che di loro si ha leggendo il volume) sono tentati dall'avvicinarsi al mondo "dorato" della politica: lei deve andare da un politico per "ringraziarlo" di un favore (Bigagli in questo decisamente pi esplicito), lui il nuovo autista del "pezzo grosso".

Lo stile di scrittura molto semplice, con linguaggio diretto e nessun arzigogolo del libro viene restituito da Francesca Comencini con un film molto rapido e fresco, aiutato dall'uso del digitale (prima volta per lei in un lavoro di finzione) e dalla fotografia splendida di Luca Bigazzi.

Qualche taglio qua e l, e qualche aggiunta (nel libro i due ragazzi si conoscevano gi, anche se ci mettono un po' a ricordarsi, la scena nel negozio inventata - ed forse una delle meno riuscite) sono prevedibili e anche giuste.

Quello che stranisce , come detto, il finale: nel libro si ha un fatto di sangue e una fuga quasi alla "Thelma & Louise", con i due che vengono inseguiti dalla polizia, scappano, si nascondono e alla fine, braccati, si consegnano.

Il film pi sobrio, il "conflitto" tutto interno della protagonista: una scelta pi in linea con lo stile della regista, ma che forse addirittura meglio (perch in qualche modo pi "vero") dell'originale.

05/10/2012, 09:00

Carlo Griseri