I Viaggi Di Roby

SOTTO18 - TAJABONE, protagonisti gli adolescenti


SOTTO18 - TAJABONE, protagonisti gli adolescenti
Dopo aver raccontato con grande delicatezza e affetto i giovani della Sardegna pi rurale e interna, Salvatore Mereu si sposta in citt e offre con "Tajabone" (dalla insolita durata di 67') un quadro corale degli adolescenti, tra primi amori e prime gelosie, problemi in famiglia e nuovi incontri.

Come per tutti i lavori precedenti (e per il successivo "Bellas Mariposas", che torner in una ambientazione simile), la prima cosa che colpisce la capacit di Mereu di porsi "accanto" ai suoi personaggi, facendo a tratti nascere il dubbio - positivo - che si sia di fronte pi a un documentario che non a un film di finzione.

Merito anche della bravura nello scegliere volti e corpi per i suoi film, ovviamente, ma in questo caso anche dei giovani co-autori. "Tajabone", infatti, nasce da un corso di cinema che il regista ha svolto in alcuni istituti cagliaritani: dopo esser stato colpito dai loro racconti, Mereu ha scelto di lavorare con loro alla sceneggiatura, affidando a loro stessi il compito di interpretarle.

Un copione sviluppato nel corso dell'anno scolastico (che forse avrebbe solo meritato qualche minuto in pi di tempo per "chiudere" qualche storia lasciata troppo aperta), un film girato in sole tre settimane e dai costi minimi (nell'ordine di alcune migliaia di euro): "Tajabone" (il titolo si riferisce a una tradizionale canzone africana che si ascolta a inizio e fine film) stato presentato alla Mostra del Cinema di Venezia 2010 nella sezione Controcampo.

15/12/2012, 10:45

Carlo Griseri