Sudestival 2020
I Viaggi Di Roby

SOTTO18 - SONETAULA, c'era una volta in Sardegna


SOTTO18 - SONETAULA, c'era una volta in Sardegna
Tratto dall'omonimo romanzo di Giuseppe Fiori, "Sonetaula" di Salvatore Mereu racconta un'epopea sarda, trent'anni di storia della terra d'origine del regista, a cavallo della seconda guerra mondiale.

La scelta quella di concentrare l'attenzione sulle (dis)avventure del giovane Sonetaula, figlio di pastori con il padre al confino (forse per un errore giudiziario) che si ritrova a dover lavorare per dare sostentamento alla famiglia. L'arrivo della guerra non aiuta le cose, cos come le gelosie e i primi amori contrastati: scelte di vita non sempre libere portano il ragazzo ad aderire a fine conflitto al brigantaggio, ma il legame con la vita nei pascoli rester forte e forse fatale.

Realizzato con un cast - nei ruoli principali - di non professionisti, ma il cui volto porta i segni della storia e li rende (specie il protagonista Francesco Falchetto, molto efficace anche se forse non troppo credibile nell'invecchiamento) perfetti per il racconto di Mereu.

Oltre due ore e mezza di racconto (ma sono state necessarie diverse ellissi nella narrazione per coprire i tanti anni di storia) per un film apparentemente ostico (la scelta di far parlare in sardo con sottotitoli in italiano non aiuta di certo ad arrivare alle masse) ma che si rivela, per chi ha la capacit di porsi di fronte alla visione senza pregiudizi, uno dei pi potenti ed epici film italiani degli anni duemila.

Splendidi - inutile forse sottolinearlo - gli scorci scenografici di una Sardegna rurale cos vera e "tangibile" (merito anche di Marianna Sciveres), di rilievo anche il lavoro sui costumi di Loredana Buscemi.

16/12/2012, 10:42

Carlo Griseri