FilmdiPeso - Short Film Festival

PERCHE'? - Una piccola “chicca” per i fan di "Boris"


Il corto di Giacomo Ciarrapico prodotto dal Gruppo Teatro Valle Occupato per denunciare la situazione del cinema in Italia.


PERCHE'? - Una piccola “chicca” per i fan di
Prodotto dal Gruppo Teatro Valle Occupato di Roma, “Perché?” di Giacomo Ciarrapico è una chicca per tutti i fan di "Boris", la celeberrima serie televisiva dedicata al mondo delle soap opera che ha avuto un seguito anche al cinema nel successivo "Boris - il Film". Questa volta non troviamo però Renè Ferretti, Stanis o Mariano Giusti in crisi mistica per Padre Frediani. I personaggi del corto sono nuovi ma altrettanto spassosi.

Giacomo Ciarrapico, già sceneggiatore e regista della serie "Boris", mette in scena questa volta un bravo Giorgio Colangeli, nelle vesti di un produttore cinematografico dalla dubbia professionalità e un giovane regista – autore precario, smanioso di lavorare nel cinema. L’impianto del corto è molto minimale ma efficace; nell’ufficio del produttore si discute del film da fare, i dialoghi come in tutte le sceneggiature di Ciarrapico sono geniali e secchi, si prende il mondo del cinema, lo si rigira come un calzino, si mettono sul tavolo i difetti, le manie, le ossessioni dei cinematografari romani. Il produttore “sborone” e cinico, non sa nulla del giovane regista che ha davanti, ma lo vuole far lavorare per forza, lo umilia, lo sottomette con l’arroganza, gioca con la sua disperazione e alla fine se ne esce con l’idea geniale di fargli girare il remake in 3d di Umberto D., appunto Umberto3D. Il regista, allibito, sull’orlo di una crisi di nervi, in cambio di un lauto anticipo accetta di girare il tremendo remake, che vedrà come protagonista Beppe Fiorello, invecchiato di brutto. Come direbbe il grande Stanis La Rochelle: “Tutto questo è molto italiano!” Nonostante la sua brevità, il corto di Ciarrapico riesce ad intercettare il momento sociale e culturale dell’Italia, giocando con comicità intelligente sui difetti del nostro cinema.

24/02/2013, 18:57

Duccio Ricciardelli