CINECITTÀ SI MOSTRA
I Viaggi Di Roby

CANTIERI DEL DOCUMENTARIO - Terza edizione


Tra settembre ed ottobre a Firenze i Documentaristi Anonimi Toscani propongono una nuova serie di laboratori sui processi di creazione e di produzione di opere documentarie.


CANTIERI DEL DOCUMENTARIO - Terza edizione
Documentaristi Anonimi propone una nuova serie di laboratori sui processi di creazione e di produzione di opere documentarie: i Cantieri del Documentario 2013, giunti alla loro terza edizione.
I Cantieri sono incontri di analisi e discussione con gli autori dedicati a progetti, lavori in corso, lavori già ultimati. La discussione si nutrirà della visione dei film, o di fasi e versioni dei lavori: sopralluoghi, interviste, estratti di montaggio in corso oppure scartati, idee, ipotesi, possibilità concrete di realizzazione…
Come in una riunione di lavoro aperta, lo scopo è quello di aprire una discussione approfondita con i partecipanti sulle fasi dei processi di creazione: scelta dei temi, scrittura del reale (sia come scrittura preliminare, sia come linguaggio cinematografico), strategie di produzione, strategie di realizzazione, come portare il film al pubblico. Per i lavori ultimati saranno ripercorse le fasi di lavorazione fino al risultato ottenuto.
Per i lavori in corso o in progetto, saranno discusse le strategie di prosecuzione nel rapporto tra l’idea e la sua realizzazione.
Saranno analizzati generi, stili, linguaggi e temi, in un confronto su modi diversi di lavorare nel cinema del reale.
L’idea è che i partecipanti possano avvicinarsi alla cultura del documentario, trarre spunti per i loro eventuali progetti o essere coinvolti sul seguito di alcuni dei lavori discussi, in un “gruppo di lavoro” che possa accompagnare le fasi successive di alcuni dei progetti stessi.

I Cantieri si svolgeranno a Firenze nella biblioteca della Mediateca nei mesi di settembre e ottobre 2013, il Venerdì in orario pomeridiano dalle 17.15 alle 20 circa (ciascun Cantiere avrà una durata leggermente variabile a seconda delle esigenze di ogni singolo autore).

Modalità di iscrizione: Dato il numero limitato di posti si consiglia la prenotazione. È possibile iscriversi ad uno o più Cantieri inviando una e-mail a [email protected] inserendo il proprio nome e cognome, recapito telefonico e Cantiere di interesse, oppure telefonando al 334/9320934 o iscrivendosi direttamente sul nostro sito aprendo il link che segue la presentazione di ogni cantiere.

La partecipazione è gratuita per coloro che possiedono la tessera dell’Associazione Documentaristi Anonimi in corso di validità per l’anno 2013. Per i nuovi tesserati o per chi intende rinnovarla è possibile effettuare un bonifico tramite i dati bancari che trovate sul sito oppure direttamente il giorno del Cantiere qualche minuto prima dell’inizio dell’incontro.
La tessera, oltre ai Cantieri del Documentario, dà la possibilità di accredito al Festival dei Popoli e a Panorama In Cantiere 2013 e alle altre iniziative dell'Associazione.



PROGRAMMA

Venerdì 20 Settembre 2013 ore 17.15
ALESSANDRA CELESIA (documentarista)
DOCUMENTARIO E CREAZIONE: l'immersione nel reale e la ri-creazione di un vissuto e di un tessuto sociale e relazionale

Le libraire de Belfast nasce dopo 7 anni di immersione in un quartiere di Belfast, anni in cui l'autrice ha potuto conoscere il protagonista del film e una serie di altre persone che frequentano ogni giorno gli stessi luoghi, condividendo passioni (la letteratura, la storia, la musica), speranze e fragilità. All'immersione ha fatto seguito poi la ri-creazione raffinata e sottile degli stimoli che la regista ha potuto vivere e raccogliere insieme a quelli che sono diventati personaggi di un racconto filmico dalla forza espressiva sia visiva che letteraria. Il Cantiere ripercorrerà in particolare la fase del montaggio attraverso la proiezione di sequenze montate e poi non inserite nel montaggio finale per riflettere sul ruolo della poesia, della creazione e della messa in scena nel documentario sociale.
Alessandra Celesia vive a Parigi. Ha lavorato in teatro come attrice e regista, poi si è appassionata al cinema. Ha cominciato a filmare Aosta, sua città natale e l’Italia, fino a quando non si è trasferita a Parigi, dove il cambiamento di vita ha ispirato nuovi film. Il suo interesse è per le persone, la loro fragilità, la loro umanità, che vivano in Italia, a Parigi, Dublino. Le libraire de Belfast è stato vincitore del Festival dei Popoli 2012.

Venerdì 27 Settembre 2013 ore 17.15
STEFANO MISSIO (documentarista)
IL DOCUMENTARIO È MORTO. VIVA IL DOCUMENTARIO!
Un piccolo viaggio nel documentario di creazione, tra film di Stefano Missio già realizzati e in preparazione, passando poi per documentari di straordinari autori, quasi mai visti in Italia.
Stefano Missio si é occupato, fin dagli esordi, di cinema documentario d’autore. I suoi film sono stati selezionati in numerosi festival e sono stati programmati nelle televisioni di tutto il mondo. Tra i suoi lavori: Quando l'Italia non era un paese povero (1996), storia di un caso di censura nell'Italia degli anni '60; La Repubblica delle Trombe (2006) sui suonatori di tromba in Serbia, selezionato da oltre 50 festival internazionali; Che Guevara – Il corpo e il mito (2007), coprodotto da ZDF Arte, da SKY – History Channel Italia, da YLE e da RTE e trasmesso in 12 paesi nel mondo.

Venerdì 4 Ottobre 2013 ore 17.15
NICOLA MELLONI (documentarista e produttore)
CHI ME L'HA FATTO FARE DI ANDARE A GIRARE UN DOCUMENTARIO NELLA STRISCIA DI GAZA?

Realizzare un documentario per un’importante ONG nella Striscia di Gaza è una di quelle sfide a cui un autore difficilmente riesce sottrarsi. L’interesse è troppo forte e si passa sopra al budget insufficiente, al poco tempo a disposizione ed anche a qualche legittimo timore dovuto al fatto che…beh, non è il luogo più tranquillo del mondo. Difficile, invece, prevedere che l’insidia maggiore arriverà da tutt’altra parte, dall’Istituzione, quella che finanzia, la quale pur capendoci molto poco di documentario ha più voce in capitolo dello stesso committente. Il cantiere ripercorre – in chiave paradigmatica – gli equivoci, le incomprensioni e le differenze di vedute che hanno finito per far naufragare un’esperienza professionale ed umana altrimenti molto, molto forte.
Nicola Melloni: Con al sua RUMI Produzioni lavora a Firenze dove produce e dirige documentari e servizi video a carattere prevalentemente istituzionale. Collabora con ONG italiane ed internazionali (Oxfam, Cospe, ICS) per le quali ha documentato progetti in Albania, Bosnia Erzegovina e Territori Palestinesi Occupati. Ha inventato laboratori di produzione video e di didattica sui media che conduce con bambini e ragazzi della scuole fiorentine e con gli utenti del servizio psichiatrico pistoiese

Venerdì 11 Ottobre 2013 ore 17.15
MARTINO CHITI (fotografo) e LINDA LOMBARDO (giornalista)
INDIA TODAY: Proyecto Infancia

La fotografia è un'espressione artistica e anche uno strumento della memoria che ci permette di creare, registrare e riconoscere realtà e valori culturali in distinti tempi e società.
Proyecto Infancia organizza corsi di fotografia per gruppi di bambini tra i 7 e i 15 anni di età, provenienti da aree svantaggiate in diversi paesi del mondo. Gli vengono date le macchine fotografiche e l'opportunità di scattare. L'india ha una delle maggiori popolazioni di bambini del mondo ed è una nazione piena di contrasti in termini economici, culturali e religiosi. In India sono stati realizzati tre corsi in diverse città (Delhi, Varanasi e Daharamsala) con la collaborazione di alcune associazioni locali. Vediamo la fotografia come uno strumento di apprendimento alternativo e incoraggiamo i bambini ad esplorare con libertà la propria visione del mondo che li circonda.
Martino Chiti: Livorno, 1976. Realizza documentari e reportage fotografici umanitari e sociali oltre a collaborare con progetti didattici educativi in diversi luoghi del mondo. Collabora con festival di arte e spettacolo legati a musica ed arti visive. Fotografo, regista e videoartista, studia la struttura delle società come masse; la modernità, le religioni, il rapporto con l'ecologia sonora. È proteso alla continua sperimentazione.
Linda Lombardo: giornalista nata a Livorno nel 1981. Si laurea in filosofia all'Università di Pisa con un lavoro sul concetto di folla nelle metropoli. Si specializza nell'analisi della società multiculturale e multietnica e nella gestione dei conflitti intra e interreligiosi presso La Sapienza di Roma, dove frequenta il master in "Religioni e Mediazione culturale". Da anni scrive e lavora per associazioni che si occupano di questioni di genere e operano a sostegno di donne native e migranti.

Venerdì 25 Ottobre 2013 ore 17.15
ENZO CEI (fotografo)
COGLIERE L'ATTIMO E RACCONTARLO NEL TEMPO: dalla fotografia sociale alla documentazione audiovisiva di “Nato prematuro”

Nato prematuro è un progetto che intende ricostruire il percorso di cura e assistenza cui è sottoposto, in un moderno reparto di Neonatologia, un bambino nato prematuramente. Le motivazioni del progetto poggiano sulla convinzione che tale argomento sia occasione di indagine su una realtà esistenziale e scientifico-tecnologica propria della contemporaneità, in grado di sollecitare in ciascuno di noi una forte riflessione etica. Si è ritenuto in questo senso che il solo fatto di dare visibilità alla condizione di “nato prematuro”, col suo carico corporeo, possa offrire quell’insieme di informazione scientifica e di suggestione, capaci di disporre l’animo all’ascolto e alla ricerca. Il Cantiere intende affrontare le difficoltà e le scoperte legate al passaggio dal linguaggio fotografico al linguaggio audiovisivo, attraverso l'analisi delle diverse tappe del progetto che hanno portato l'autore a spostarsi dal progetto fotografico iniziale (di cui verranno mostrati alcuni scatti) alla scelta del mezzo audiovisivo come strumento maggiormente comunicativo e dunque adatto alla narrazione e alla sensibilizzazione su un tema etico e sociale come quello trattato (dai primi appunti video al cortometraggio finale).
Enzo Cei, nato nel 1949 a Ghezzano (PI) in una famiglia di mezzadri e cresciuto nella cultura contadina, è fotografo e stampatore dal 1975. Documenta fotograficamente temi sociali e umanitari per informare e sensibilizzare su questioni vive e aperte. Ha pubblicato 13 libri. Di prossima pubblicazione FIORI, un libro fotografico sulla malattia oncologica infantile ritratta dall'interno della vita familiare.

04/09/2013, 17:27