OFF - Ortigia Film festival
I viaggi di Roby

NON E' MAI TROPPO TARDI - La Lezione del Maestro Manzi


In onda oggi e domani la miniserie di Rai 1 diretta da Giacomo Campiotti e prodotta dai Rai Fiction, realizzata da Bibi Tv. Protagonista Claudio Santamaria nei panni di Alberto Manzi, amatissimo maestro che negli anni Sessanta rivoluzion l'approccio didattico attraverso delle lezioni trasmesse in tv dalla Rai. Nel cast anche Nicole Grimaudo, Andrea Tidona, Emanuela Grimalda e Roberto Citran.


NON E' MAI TROPPO TARDI - La Lezione del Maestro Manzi
Claudio Santamaria il Maestro Manzi su Rai 1
"Non mai troppo tardi" era il nome della trasmissione, ma fu anche lo slogan di un'intera vita per Manzi, che prima della televisione insegn in un carcere minorile e successivamente in una scuola elementare. La straordinaria interpretazione di Claudio Santamaria mette in evidenza l'importanza di un personaggio di questo calibro e l'attenta regia di Giacomo Campiotti riesce non solo ad evidenziarne le caratteristiche, ma anche a ritrarre quello spaccato sociale, povero e ignorante, che in un qualche modo arriva a rivendicare se stesso e la propria dignit.

Francesco Nardella, vicedirettore di Rai Fiction, ha spiegato: una storia esemplare, vicina alle linee editoriali di Rai Fiction attuali. la storia di un uomo controcorrente, coraggioso, che entra nel processo produttivo-formativo spettinando le regole vigenti. Dai riformatori poi entra in contatto con la televisione e il servizio pubblico, ma anche con un merito della tv, ossia l'alfabetizzazione. Mi ricordo che a scuola facevo le aste, lui invece insegnava meccanismi pi complessi ma anche pi creativi. una vicenda importante perch si colloca in quella storia d'Italia che spinge, in cui le persone pensano a cosa faranno i nipoti nel futuro. Era un'Italia con persone che dopo la guerra avevano maturato energia e voglia di fare. Insieme a questo c' che noi vogliamo che tutti abbiano possibilit di parola, senza esclusioni, compresi i talenti. Barbagallo ha attori che rappresentano il talento e in questa produzione ho visto l'eccellenza. Noi dobbiamo lavorare su questo, raccontare storie popolari e insegnare alle persone non facendole annoiare, come diceva Manzi".

Il produttore Angelo Barbagallo: Ringrazio Giacomo Campotti che non qui oggi. Sta in india e saluta tutti. Ho lavorato molto su questo progetto e diversi annu fa lessi su repubblica un articolo riguardante una mostra dedicata al Maestro Manzi. Io ho ricordo di lui, sono del '58. Mi ha colpito subito il suo essere rivoluzionario, spirito libero e dall'animo generoso con i ragazzi. Colpisce la critica che Manzi fa e il suo messaggio mi sembra ancora molto moderno. Non stato facile produrre questa miniserie, ma questi anni di attesi ci hanno portato poi a presentarlo quest'anno, in onore dei sessant'anni della Rai, e ad incontrare Giacomo, che ha un approccio popolare ma alto per la fiction. Avere il regista giusto importante.

La sceneggiatrice Monica Zapelli ha successivamente spiegato la genesi di questo progetto: Nasce da un personaggio straordinario per l'anomalia dell'incontro con la tv. Una persona con una grande cultura pedagogica, innovativa per l'epoca, ma che si mostra anche come disobbediente intelligente. Si rifiuta di acquistare i testi, di dare voti e giudizi. La Rai prende coraggio a scegliere un personaggio cos difficile da gestire, ma con una preparazione che lo porta ad innovare una tv popolare. Lui intuisce che l'apprendimento tale se attivivo, non vuole avere una classe di spettatori ma solo degli spettatori che imparino il suo metodo, che poi stato adottato in pi di 70 paesi.

Anche Claudio Santamaria ha raccontato quello che ha significato per lui il suo personaggio: Io ho un vago ricordo di Manzi, non sono di quell'epoca. Mi hanno proposto lo sceneggiato e quando leggevo la sceneggiatura mi commuovevo, quando vedevo che Manzi ha cercato di aprire le persone e far tirare fuori loro la parte migliore. La sua una lotta alla dignit di tutti. La sua seconda moglie mi ha raccontato che lui spesso diceva che il suo metodo era cinquant'anni avanti la storia. Ma io oserei dire cento anni avanti. Far conoscere un personaggio vuol dire accendere una luce nelle persone. Il suo voler insegnare veniva dalla guerra, che a sua volta proveniva dall'ignoranza. Per lui la classe rappresentava la societ del futuro e il volerla rivoluzionare una cosa che mi ha toccato profondamente.

Infine Nicole Grimaudo, nel ruolo di Ida, moglie di Manzi, ha detto: stato un grande onore interpretare Ida, che sposa l'uomo e il maestro. Una donna che lo appoggia in tutto, molto vicina a lui, che nasconde una grande dolcezza ma anche una straordinaria forza, avendo cresciuto all'inizio la figlia da sola. Anche io avrei amato un uomo cos e per me stato facile identificarmi. Mi auguro che un lavoro del genere, raccontare una passione come l'insegnamento, possa essere apprezzato.

22/02/2014, 09:00

Margherita Pucello