Festival del Cinema Città di Spello
I Viaggi Di Roby

VENEZIA 71 - Cinque classici del cinema italiano restaurati dal CSC


Alla 71° Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica saranno presentati film di De Sica, Lattuada, Manfredi, Montaldo, Scola.


VENEZIA 71 - Cinque classici del cinema italiano restaurati dal CSC
Anche quest’anno il CSC - Cineteca Nazionale contribuisce alla sezione Venezia Classici della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica che, con crescente successo, propone una selezione dei migliori restauri di film classici realizzati nel corso dell’ultimo anno da cineteche, istituzioni culturali e produzioni di tutto il mondo, permettendo la riscoperta di opere del passato trascurate o sottovalutate. La scelta della Cineteca Nazionale è andata a tre lungometraggi e due cortometraggi tra i titoli più preziosi del nostro patrimonio.

Per gli 80 anni di Sophia Loren è stato restaurato uno dei film più importanti dell’attrice, che la vede al fianco di un altrettanto straordinario Marcello Mastroianni: "Una giornata particolare" (1977) di Ettore Scola. Il restauro digitale 4k permetterà di apprezzare al meglio il lavoro del direttore della fotografia Pasqualino De Santis, che per l’occasione inventò un colore desaturato, al confine con il bianco e nero.

Uno dei classici del cinema italiano "Umberto D." (1951) di Vittorio De Sica viene presentato con la collaborazione dell’Associazione Vittorio De Sica e della Cineteca di Bologna. Il film, apice del neorealismo e titolo leggendario per generazioni di cinefili e registi, è stato restaurato a partire dai negativi originali conservati in Cineteca Nazionale.

A cent’anni dalla nascita di Alberto Lattuada, sarà possibile ammirare il restauro di uno dei capolavori del regista, "Senza pietà" (1948), che mescola neorealismo, noir e melodramma in una sceneggiatura scritta, tra gli altri, da Federico Fellini.

Inoltre, nell’ambito della manifestazione Nino! - Omaggio a Nino Manfredi che celebra il decennale della morte dell’attore-autore, viene riproposta, in collaborazione con Erminia Manfredi, Dalia Events, Onni e Faso Film, la prima prova registica di Manfredi, L’avventura di un soldato, episodio del film "L’amore difficile" (1962). Tratto da un racconto di Italo Calvino e quasi privo di dialoghi, il cortometraggio è uno dei gioielli sconosciuti della commedia all’italiana. Infine, in collaborazione con Rai e Airsc, è stato effettuato il restauro di uno dei primi cortometraggi italiani in alta definizione, "Arlecchino" (1982) di Giuliano Montaldo.

Lungometraggi
- "Una giornata particolare" (A Special Day) di Ettore Scola (Italia/Francia, 1977, 110’, Colore)
Restauro: CSC – Cineteca Nazionale di Roma, in collaborazione con Surf Film
- "Umberto D." di Vittorio De Sica (Italia, 1952, 91’, B/N)
Restauro: CSC – Cineteca Nazionale di Roma, in collaborazione con Cineteca di Bologna, l’Associazione Vittorio De Sica e RTI
- "Senza pietà" (Without Pity) di Alberto Lattuada (Italia, 1948, 89’, B/N)
Restauro: CSC – Cineteca Nazionale di Roma, in collaborazione con Cristaldi Film

Cortometraggi
- "Arlecchino" (Harlequin) di Giuliano Montaldo (Italia, 1983, 8’, Colore)
Restauro: Rai Radiotelevisione Italiana e CSC–Cineteca Nazionale di Roma, in collaborazione con Associazione Italiana per le Ricerche di Storia del Cinema
- "L’avventura di un soldato" - episodio di "L’amore difficile" (The Adventure of a Soldier – episode from Of Wayward Love) di Nino Manfredi (Italia/Germania, 1962, 25’, Colore)
Restauro: CSC–Cineteca Nazionale di Roma, con la collaborazione di Erminia Manfredi, Dalia Events, Onni e Faso Film

15/07/2014, 19:12