Meno di 30
I Viaggi di Robi

Note di regia del documentario "Progetto Hebi"


Note di regia del documentario
Progetto Hebi nasce da una piccola domanda. Una riflessione sulle persone che occupano un ruolo da comparsa nelle nostre vite. Ci siamo chiesti quale fosse la storia di cui protagonista il vecchio seduto accanto a noi sul treno, quella della barista dove facciamo colazione, quella del ragazzino che ci scrocca le sigarette sotto al nostro studio e via dicendo. Abbiamo scelto Tokyo per la sua mole mastodontica, per limpressionante quantit di abitanti e per la capacit quasi unica che questa citt ha di farti sentire solo nella piazza pi affollata al mondo. Tokyo perch non riconoscendo le linee, le forme, i colori e gli odori il nostro cervello fosse libero dagli stereotipi e pronto ad accogliere gli stimoli. Tokyo per vedere coi nostri occhi una citt dopo lo Tsunami e il disastro di Fukushima. Lintento di registrare le vite di pi persone possibili, nel loro quotidiano, stata la spinta che ha fatto nascere questo film. Il vero e proprio processo di scrittura avvenuto in fase di montaggio, dove abbiamo messo in discussione le nostre immagini, la realt che avevamo rubato agli Eddoko. Durante la post-produzione ci siamo accorti che la storia di questo viaggio doveva essere raccontata dalle nostre voci; che Ale e Lele non parlano il doppiaggese, sbagliano, inciampano, urlano e si imbarazzano. Che Ale e Lele siamo noi. Progetto Hebi un film su Tokyo, un film sui suoi abitanti; un film su Hebi, il nostro film. Il confine tra Hebi e Progetto Hebi molto sottile, a tratti impalpabile. E' la storia di due ragazzi italiani in viaggio, due giovani registi alle prese con il loro nuovo film. Progetto Hebi un film di finzione. Progetto Hebi un film documentario. Progetto Hebi una performance. Progetto Hebi stata la scusa per spiare dentro centinaia di sconosciuti un pezzo della nostra vita.

Alessandro G. Capuzzi e Emanuele Dainotti