Napoli Film Festival
I Viaggi di Robi

LEONI - L'incontro con Neri Marcorè e Piera Degli Esposti


Il primo lungometraggio di Pietro Parolin con Neri Marcorè e Piera Degli Esposti prodotto dalla CSC Production di Elisabetta Bruscolini.


LEONI - L'incontro con Neri Marcorè e Piera Degli Esposti
In collaborazione con la Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale -, la Regione Veneto e il CSC esce nelle sale, distribuito da Bolero Film, il primo lungometraggio di Pietro Parolin, allievo del Centro Sperimentale di Cinematografia.

"Il Centro Sperimentale di Cinematografia ha avuto una parte importante nella realizzazione di questo film e Pietro ha avuto una grande fortuna perché la Regione Veneto ha saputo fare bene rispetto ad altre regioni: ha speso per i giovani". La conferenza stampa di "Leoni" si apre con un ringraziamento speciale alla Regione Veneto, che ha permesso la realizzazione del primo lungometraggio di un allievo del Centro Sperimentale di Cinematografia grazie al bando, promosso dall'Assessorato Regionale alle Politiche Sociali e Giovanili "Analisi, studio e diffusione di opere culturali e multimediali giovanili". Nel cast della pellicola, interamente girata nel Veneto, due grandi interpreti del nostro cinema e del teatro: Piera degli Esposti e Neri Marcorè.

Piera degli Esposti, che interpreta nel film Mara Cecchin, una "matrona malata", ha tratteggiato così il suo personaggio, interpretato sempre con quella eleganza che connota e contraddistingue ogni suo ruolo teatrale e cinematografico "Mara è una donna di potere, ma felice perché le basta essere così. È difficile fare l'industrializzazione dal letto, ma ho accettato di girare un film con Pietro perché la calma è rara in un giovane regista".

Neri Marcorè, invece, ha introdotto prima il suo personaggio in modo sarcastico e poi ha aggiunto "Preferisco cambiare e non fare lo stesso personaggio per soddisfare la mia curiosità".

Il film uscirà in sala in ritardo rispetto alla sua realizzazione, ma tutti gli attori -come ha rivelato il regista- sono stati contenti di girarlo: nessuno ha sentito la pressione del set. Nella pellicola non c'è molto di autobiografico perché riguarda tutte le generazioni che ho provato a raccontare. "Signori e signore" di Pietro Germi è poi un film, che ho visto da bambino e che mi ha ispirato. In questa pellicola, la Provincia assomiglia a tante altre province italiane e viene fuori un ritratto di paese che conosciamo".

Il film esce in sala con una diffusione a tappeto sul Veneto e poi a livello nazionale.

30/01/2015, 17:07