I Viaggi Di Roby

Note di regia di "Natale a Londra Dio Salvi la Regina"


Note di regia di
Tra i tre film che ho realizzato per la Filmauro, NATALE A LONDRA DIO SALVI LA REGINA sicuramente la sfida pi ambiziosa ed intrigante che, in qualche maniera, rinnova la formula del film di Natale,portandola ad un livello superiore. Questa volta ho cercato di fare tesoro dell'esperienza di UN NATALE STUPEFACENTE e di NATALE COL BOSS, e ho tentato di estrarne una sintesi. Il primo era pi comico e familiare, il secondo era una commediad'azione a tinte leggermente noir. Questa volta, contando su un cast di attori straordinari, ho cercato di mettere insieme tutti questi elementi e di tirar fuori una storia riccadi tante contaminazioni pop, amorose e avventurose.In NATALE A LONDRA DIO SALVI LA REGINA, infatti, ci sono personaggi con storie delineate, rapporti padre figlio, storie d'amore, gelosie,azione, un furto realizzato con destrezza, cani, colombe, maghi, regine e chi pi ne ha pi ne metta. Il mio desiderio era di offrire al nostro pubblico un film veramente popolare, da guardare tutto dun fiato, senza rinunciare a risate ed emozioni. Una delle sfide pi stimolanti, quando lavori con un gruppo di attori e comici di questo livello, riuscire ad amalgamare stili e caratteristiche diverse, impastandole tutte all'interno dello stesso piatto. Credo che tutti gli interpreti abbiano dato vita a una bella commedia all'italiana, quella che amiamo da sempre e con cui siamo cresciuti. Un manipolo di incapaci si infila in unimpresa improbabile, quasi surreale: espugnare Buckingham Palace, il cuore dell'Inghilterra imperiale, allo scopo di rapire con destrezza i corgies, i preziosissimi cani della Regina. E quindi baci, fughe, botte da orbi, spari, figuracce, malintesi, effetti speciali. Mi sono molto divertito e penso di poter parlare a nome di tutti i miei collaboratori e degli attori coinvolti: spero che lallegria e lamore per il nostro lavoro traspaiano dallo schermo e arrivino dritti al cuore degli spettatori, per regalare un sorriso e far divertire con intelligenza.

Volfango De Biasi