Sudestival 2020
I Viaggi Di Roby

SOTTO18 2016 - Il programma di sabato 3 dicembre


SOTTO18 2016 - Il programma di sabato 3 dicembre
Il weekend al Festival si apre con levento live alle 11, al Teatro Colosseo, che vede protagonista Roberto Saviano, per la presentazione speciale ‒ organizzata da Sottodiciotto & Campus con lAssociazione Next Level, in collaborazione con la Scuola Holden, il Circolo dei lettori e lAssociazione Didee, del suo nuovo libro La paranza dei bambini (Feltrinelli) e che avr come co-protagonisti i ragazzi di alcune scuole superiori di Torino. Con lautore, saliranno infatti sul palco anche gli studenti del Liceo Artistico Aldo Passoni', dellIstituto Professionale Statale Albe Steiner, del Liceo Statale Domenico Berti, del Liceo Classico Massimo DAzeglio e del Liceo Coreutico Teatrale Germana Erba' che interpreteranno e reinterpreteranno, esprimendo liberamente la propria creativit, il libro dello scrittore napoletano e parteciperanno attivamente allevento con domande, brani musicali e danzati, performance e letture. La storia della paranza ‒ un gruppo di fuoco legato alla Camorra composta da bambini e adolescenti, capitanata da un boss quindicenne, sar cos loccasione per ascoltare un protagonista della cultura contemporanea come Roberto Saviano parlare ai ragazzi di un fenomeno dirompente e, nello stesso tempo, loccasione per ascoltare ragazzi ancora seduti sui banchi di scuola e capire come si misurano e come si confrontano con le vite tanto diverse di loro coetanei che non hanno domani e nemmeno ci credono. Conduce Federico Taddia.

Il primo appuntamento con le proiezioni, nel pomeriggio (alle 15, al Cinema Romano 2), con Sentieri di fiume, il film in cui il fotografo e appassionato di canoa Alberto Sachero ha immortalato la propria impresa, riprendendo con una telecamera la lunga navigazione in solitaria che dai Murazzi di Torino lha portato fino a Venezia: un viaggio di 650 chilometri di navigazione lungo il Po, tra paesaggi straordinari e incontri bizzarri con la gente delle rive. Sar presente alla proiezione il regista Alberto Sachero. In contemporanea (sempre alle 15, Cinema Romano 3), in cartellone lanteprima di Like Horses, opera di precocissimo esordio del sedicenne di Giovanni Stramacci. Girato tra le due citt nelle quali il ragazzo cresciuto (Roma e Dubai), il lungometraggio parte come un film sentimentale diventando poco a poco un vero e proprio giallo dalle venature inquietanti. Sar presente il regista Giovanni Stramacci.
Ancora nel pomeriggio, appuntamento con lanimazione: il Festival presenta in anteprima i quattro episodi iniziali della nuova serie animata Yo Yo (alle 16.30, al Cinema Romano 2), disegnata da Ugo Nespolo e ispirata ai personaggi che hanno segnato la nascita dellomonimo canale RAI, i due gemelli di sette anni con personalit molto diverse: Yo (lui), timido e prudente, Yo (lei) espansiva e impulsiva. Scritta dal gallese Robin Lyons, prodotta dalla societ torinese Showlab con RAI Fiction, lo studio belga Grid Animation e lirlandese Telegae, la serie, in onda da febbraio 2017, frutto di tre anni di lavoro di un team europeo di circa duecento persone e segna il debutto, nel cinema danimazione per bambini, di Ugo Nespolo. In veste di direttore artistico, il pittore, oltre ad aver ridisegnato i gemellini, ha progettato le dodici varianti del mondo di fantasia nei quali i due piccoli protagonisti si avventurano di volta in volta. La proiezione sar seguita da un incontro, condotto da Steve Della Casa, in cui Ugo Nespolo, i registi Stefania Gallo ed Ernesto Paganoni e il produttore Alfio Bastiancich illustreranno il percorso che ha portato alla realizzazione della serie in animazione 3D. Alle 17 sar protagonista la sezione competitiva del Festival, con la presentazione degli 8 titoli selezionati per il Concorso OFF (al Cinema Romano 3), cui partecipano video realizzati dai giovanissimi in ambito extrascolastico. Focalizzate su desideri e inquietudini ricorrenti nella fase delladolescenza, le opere presenti in questedizione affrontano temi come i sogni ad occhi aperti, il bullismo, la difficolt di crescere, la paura della morte. Alla proiezione interverranno gli autori.

In orario preserale (alle 19, al Cinema Romano 1) il Festival presenta la premire di un docu-film di prossima distribuzione nelle sale italiane, presentato con grande successo al Sundance, al Telluride e al Toronto Film Festival, La principessa e laquila. Opera desordio anche con cui lo statunitense Otto Bell racconta la lotta contro il pregiudizio della tredicenne Aisholpan che vuole diventare addestratrice di aquile, mestiere per tradizione millenaria riservato in Mongolia ai soli maschi, il film prodotto e narrato da Daisy Ridley, la Rey di Star Wars: Episodio VII - Il risveglio della forza.
In serata, secondo appunto con la grande animazione dautore e con lomaggio agli 80 anni della Sojuzmultfil'm. In cartellone (alle 20.30, al Cinema Romano 3), uno dei capolavori prodotti dai grandi studios russi, Il racconto dei racconti, realizzato nel 1979 da uno dei maestri dellanimazione mondiale, Jurij Nortejn, nominato da una commissione internazionale miglior film animato di tutti i tempi, di cui sono protagonisti un poeta e un lupacchiotto immersi in un flusso di coscienza tra ricordi, visioni oniriche e reminiscenze letterarie. La proiezione sar introdotta da Eugenia Gaglianone, curatrice della rassegna.
Alle 21, in cartellone (al Cinema Romano 1) Camera mia, il film-inchiesta e work in progress con cui Alessandro Piva si dedicato e si dedica da tempo a raccontare sogni, bisogni, gusti, tendenze, desideri della generazione Y attraverso le risposte date da giovanissimi di varie nazionalit interrogati dal regista nellintimit delle loro stanze da letto sui temi pi vari: la politica, il sesso, la religione Il film, che raccoglie complessivamente ormai dichiarazioni di mille ragazzi di dieci diversi Paesi, sar trasmesso in diretta streaming su MYmovies.it. Alla proiezione sar presente il regista Alessandro Piva.

In chiusura di serata, il Festival presenta, in anteprima cittadina (alle 22, al Cinema Romano 3), I cormorani, opera desordio di Fabio Bobbio. Girato interamente in Piemonte, il film vede protagonisti Matteo e Samuele che, nellestate dei loro dodici anni, trascorrono le giornate tra il fiume, il bosco e il centro commerciale. Rispetto agli anni precedenti, per, i due ragazzini si accorgono che qualcosa sta cambiando: il gioco diventa noia, la fantasia cede il passo alla scoperta, lavventura si trasforma in esperienza di vita. Il lungometraggio stato designato Film della Critica dal SNCCI che gli ha riconosciuto una prospettiva di racconto insolita e sincera, audace e immersiva, lirica e commovente e lo ha definito una nuova via, concreta e suggestiva, per il cinema dautore italiano contemporaneo". Alla proiezione saranno presenti il regista Fabio Bobbio e il produttore Mirko Locatelli.

Tutti gli appuntamenti e le proiezioni del Festival sono a ingresso gratuito

02/12/2016, 16:43