I viaggi di Roby
Nuovo Cinema Aquila

FEMMINISMO! - Lotte e conquiste da rivalutare


Paola Columba dirige un dcumentario che racconta il femminismo tra ieri e oggi attraverso le testimonianze delle protagoniste di allora e la visione, spesso ignorante, delle giovani generazioni. Interviste a Piera Degli Esposti, Lucia Poli, Lidia Ravera, Emma Bonino, Dacia Maraini e molte altre, con le immagini dell'AAMOD e la collaborazione dell'Universit Roma3. Proiezioni a Roma, Milano, Parma, Bari e altre citt con disponibilit per scuole e centri culturali


FEMMINISMO! - Lotte e conquiste da rivalutare
"Femminismo!" di Paola Columba
Sotto una luce pi generale, "Femminismo" un film indispensabile. Non far perdere la memoria delle lotte e delle conquiste ottenute dai movimenti degli anni 60 e 70 fondamentale per riuscire a mantenere il livello sociale del nostro paese.

Nel caso del documentario di Paola Columba la confusione nelle giovani generazioni sembra regnare sovrana con i diritti acquisiti che, dati per scontati, in pochi sanno arrivare da un processo partito dalla presa di coscienza, proseguito nella lotta e concluso, spesso favorevolmente nella conquista.

Dalla libert sessuale, fino allinserimento nel mondo del lavoro e in ruoli sempre pi decisionali, passando dal superamento del patriarcato alla trasformazione della famiglia moderna, le donne sono state al centro di battaglie che sembrano dimenticate, associate spesso al vecchio, al noioso, al politico nellaccezione attuale, legata ai pessimi politici, e non a unideologia e a un entusiasmo che poteva cambiare le cose.

Il femminismo confuso nel suo significato e messo al pari del maschilismo, solo la punta di un iceberg di ignoranza della storia recente che la generazione protagonista di allora dovrebbe farsi carico di sconfiggere, senza narcisismi ma con un metodo chiaro e fruibile di comunicazione.

La regista intervista testimoni del movimento e di un femminismo che si ovviamente trasformato e che ha avuto a che fare con una considerazione della donna sempre diversa.

Ma guardando con sguardo pi ampio gli anni delle lotte, ci sarebbe da parlare anche di diritti sociali e civili. Aborto e divorzio s, ma anche, ad esempio, i diritti del lavoro che sembrano acquisiti ma sono frutto di quel 68, di manifestazioni e scioperi che portarono, ad esempio, a una legge come la 300 del 1970, conosciuta come Statuto dei Lavoratori, dai contenuti oggi metabolizzati, ma pian piano pericolosamente smontata (vedi articolo 18) per tornare a quello contro cui si combatteva.

Belle le immagini di repertorio dell'Archivio del Movimento operaio, forse un po forti alcuni passaggi nella panoramica internazionale, con la ricerca di un sensazionalismo di immagini pi gratuito che di denuncia.

26/01/2017, 19:30

Stefano Amadio