Festival del Cinema Città di Spello
I Viaggi Di Roby

LOVERS - Sentimenti e rivalità in quattro storie che si intrecciano


Presentato in diversi Festival, tra cui di recente in Concorso al Sudestival, il film di Matteo Vicino sfrutta ambienti e situazioni rarefatte per raccontare qualcosa che sembra importante. Con Luca Nucera, Primo Reggiani, Margherita Mannino, Antonietta Bello e Ivano Marescotti. In sala dal 5 aprile distribuito da Showbiz Movies


LOVERS - Sentimenti e rivalità in quattro storie che si intrecciano
"Lovers" di Matteo Vicino al cinema dal 5 aprile
Arriva in sala il 5 aprile il film scritto e diretto da Matteo Vicino che cerca di inquadrare affetti e amori in un mondo sospeso tra cultura alta e bassi interessi personali.
Quattro interpreti cambiano ruolo per entrare nelle diverse storie raccontate che si intrecciano provando a movimentare l’idea unica dell’autore.

Luca Nucera, Primo Reggiani, Margherita Mannino, Antonietta Bello sono i quattro attori impegnati, insieme a Ivano Marescotti, a mettere in scena situazioni particolari in ambienti sempre eleganti e dall’atmosfera rarefatta, drammatici e senza lo svago e la leggerezza di cui, anche involontariamente, è piena la vita.

Intrecci d’amore, rivalità familiari, abbandoni e vendette in una Bologna che fa da gelido sfondo, lontana da quell’idea ridente che abbiamo di lei. Il tutto sembra mosso da fili invisibili, giocato su un piano superiore slegato dalla realtà, in cui ogni dialogo e ogni battuta sono significative e importanti, ma proprio per questo, per l’evidente sforzo di renderli così, finiscono per essere senza significato.

Questo è il limite del film finanziato dall’Emilia Romagna Film Commission che continua a credere che la via giusta del cinema delocalizzato sia quella di chiudersi dentro alla propria regione, limitando di molto le potenzialità creative e professionali.

Matteo Vicino, dopo aver aperto un filone con la commedia "Outing, fidanzati per Sbaglio", prende la strada del film d’autore, con le atmosfere e i significati profondi, e una racconto ricco di sfumature ma purtroppo privo di una struttura salda in grado di sorreggerle.

28/03/2018, 11:06

Stefano Amadio