FilmdiPeso - Short Film Festival

IL DILEMMA DELL'IDENTITA' - Iniziate le riprese
del documentario di Sabrina Morena


IL DILEMMA DELL'IDENTITA' - Iniziate le riprese del documentario di Sabrina Morena
Marta Zaccaron
Sono iniziate le riprese del documentario Il dilemma dellidentità di Sabrina Morena, regista e autrice che si interroga sulle appartenenze culturali della gente di confine e sui loro sentimenti, più o meno intensi e drammatici a seconda del momento storico. All'inizio del XX secolo, nell'Impero Austro-Ungarico i diversi popoli che lo compongono avanzano istanze di maggiore autonomia e indipendenza. Le attrici Ariella Reggio, Lučka Počkaj, Elena Husu, Marzia Postogna e Giustina Testa impersoneranno cinque figure storiche di donne che nei loro scritti, diari e lettere, raccontano il periodo tra linizio e la fine del primo conflitto mondiale, facendo emergere i diversi punti di vista legati alla nascita del confine tra due stati, il Regno dItalia e il Regno di Jugoslavia.

Le storiche Marta Verginella e Tullia Catalan contribuiranno ad approfondire le diverse sfaccettature della questione nazionale dalla prospettiva femminile, mentre la sapiente fotografia di Radovan Čok renderà suggestivo il racconto a livello visivo.

Il documentario è una produzione della Quasar Multimedia di Marta Zaccaron, in co-produzione con la Slovena Belafilm di Ida Weiss, con il contributo di RTV Slovenija, del Fondo per lAudiovisivo e della Film Commission del Friuli Venezia Giulia. Lautrice Sabrina Morena segue con curiosità e maestria le tracce lasciate dalle protagoniste della narrazione lungo le pieghe della storia. Da Elody Oblath, scrittrice triestina che assieme agli amici Scipio Slataper e Giani Stuparich compie la scelta irredentista, alla slovena Pavla Hočevar, che sogna l'unità di tutti i popoli slavi e quindi la caduta dell'Impero Asburgico. Da Marica Nadlišek Bartol, insegnante e redattrice della prima rivista femminile Slovenka, costretta a emigrare nel Regno di Jugoslavia, fino a Giuseppina Martinuzzi, maestra istriana socialista che difende i diritti delle donne e della classe operaia. Infine sarà la volta della viennese Alice Shalek, unica fotoreporter durante la prima guerra mondiale, che racconta il fronte dell'Isonzo con gli occhi di una donna fiduciosa nei confronti dell'Impero multinazionale.

Un viaggio nella storia impreziosito da diversi elementi narrativi, supportato da materiali darchivio italiani e sloveni, pubblici e privati (diari, documenti, filmati e fotografie), da una parte di animazione, girato in luoghi simbolici e significativi per le donne protagoniste, e arricchito dalla messa in scena teatrale di alcune vicende. Le riprese si muoveranno sul territorio del Friuli Venezia Giulia, dalla linea di confine alla città di Trieste, da Gorizia fino a Lubiana e ad Albona, in Croazia.

12/04/2018, 14:47