I Viaggi di Robi

Note di regia de "Il Mangiatore di Pietre"


Note di regia de
Sono state le forti sensazioni suscitate in me dalla lettura del romanzo di Davide Longo a convincermi di voler realizzare Il mangiatore di pietre. Nella storia del mangiatore si rivelano i lati opachi delle cose, la duplicit dellagire umano che mi affascina e spaventa, e che da tempo volevo cinematograficamente raccontare, arrischiandomi in un territorio affascinante e pericoloso, quello tra romanzo di formazione e film di genere. Il confine, territorio di mezzo, indeterminato e ambiguo: linea reale, convenzionale o culturale, che separa, sempre, ci che altro da s il luogo simbolico per eccellenza di questo film.

Nicola Bellucci