I viaggi di Roby
Nuovo Cinema Aquila

Note di regia di "10 Giorni senza Mamma"


Note di regia di
Una scena di "10 Giorni senza Mamma"
Per una volta ho voluto provare a girare un film come lo girerebbe un bambino. Con quella libert che propria dellinfanzia.
In genere quando comincio a scrivere una storia cerco di capire in che modo riuscir ad immedesimarmi con i personaggi. Parto quasi sempre da l. Non egocentrismo. che se non la vivo con loro poi la storia non funziona. Scrivere il primo passaggio ma poi ci sono gli attori, i luoghi, le musiche, i costumi e la macchina da presa. Qui sembrava facile: una famiglia, un argomento che ormai conosco molto bene. Tutte cose che mi sono capitate a volte in modo tragico, da raccontare facendo ridere. Mentre scrivevo, mi sono reso conto che immedesimarsi con i bambini difficilissimo. E allora, anzich controllare ho provato a lasciar andare. A lasciarmi andare a ci che succedeva. Guidando certamente, ma senza inibire la creativit di nessuno.
Questo lho poi portato anche sul set e nelluso della macchina da presa. Non doveva sembrare un film, ma pezzi di vita, che per quanto costruiti per essere comici, conservassero la verit. Il film quasi tutto girato con macchina a mano, quasi fosse girato da un bambino. Tipo me.

Alessandro Genovesi

Video del giorno