Napoli Film Festival
I Viaggi di Robi

BOLZANO FILM FESTIVAL 33 - Otto i documentari in concorso


BOLZANO FILM FESTIVAL 33 - Otto i documentari in concorso
Festival Bolzano Cinema Filmtage
Sono otto i documentari che tra il 9 e il 14 aprile prossimi si contenderanno il premio Fondazione Cassa di risparmio di Bolzano.

Tra essi, un lavoro proveniente anche dallAlto Adige: si tratta di "Becoming me" della regista Martine de Biasi, prodotto da Helios Sustainable Film. la storia di Marion, che viene accompagnata dalla telecamera nella sua trasformazione in Marian, un uomo. La regista, raccontando la storia della sua ex partner, vuole fare luce sulla societ altoatesina, ancora in gran parte tradizionalista.

"In Exit" invece, la regista norvegese Karen Winther racconta il suo viaggio di ricerca per trovare le motivazioni che lhanno indotta ad abbandonare il passato di militanza estremista. Qual stato il campanello dallarme che ha fatto s che lei e un gruppo di precedenti estremisti, neonazisti e non solo, abbandonassero la violenza e lestremismo?

"The Cleaners" di Hans Block e M. Riesewieck una coproduzione Germania, Brasile, Italia, che getta uno sguardo sulloscuro e sotterraneo mondo di Internet da cui vengono rimossi i contenuti pi discutibili: il racconto di cinque spazzini digitali, impiegati esternalizzati dalla Silicon Valley il cui compito quello di eliminare contenuti inappropriati da Internet.

DallItalia arriva in concorso "Arrivederci Saigon" di Wilma Labate, storia di cinque ragazze che nel 1968 partono per una tourne in Estremo Oriente: erano Le Stars, uno dei rari gruppi femminili italiani dellepoca. Nel documentario la regista racconta questa storia sottaciuta per 50 anni attraverso le testimonianze dirette di quattro delle protagoniste.

In "Waldheims Walzer", la regista austriaca Ruth Beckermann fa una riflessione sul caso Waldheim. Kurt Waldheim stato presidente della Repubblica in Austria dal 1986 al 1992. Durante la campagna elettorale che port alla sua elezione, il giornale austriaco Profil e il World Jewish Congress (WJC) rivelarono che, nella sua autobiografia, aveva dimenticato di menzionare il suo ruolo di ufficiale delle SA naziste.

"Mother Fortress" di Maria Luisa Forenza racconta della Madre Badessa Agnes che, assieme a monaci e monache di diversi continenti (Libano, Francia, Belgio, Portogallo, Cile, Venezuela, Colorado-USA), affronta gli effetti della guerra in Siria sul suo monastero, situato ai piedi di montagne al confine con il Libano dove Al-Qaeda e ISIS insidiosamente si nascondono.

Il documentario svizzero "Eisenberger Art Must Be Beautiful as the Frog Says to the Fly", per la regia di Hercli Bundi, racconta dellartista austriaco Christian Eisenberg, allet di 40 anni famoso in tutto il mondo: gallerie, mostre darte e musei espongono le sue opere e le vendono.

"Der Bauer zu Nathal", dei registi austriaci Matthias Greuling e David Baldinger porta a scoprire Thomas Bernhard, a partire da dove nacque, a Ohlsdorf (Gmunden, Austria) e proprio dove sembrano pochi a conoscere quello che fu tra i massimi autori della letteratura del Novecento, non solo di lingia tedesca

03/03/2019, 08:09