Seeyousound - International Music Film Festival
I Viaggi Di Roby

FILMARE LA STORIA 16 - I vincitori


FILMARE LA STORIA 16 - I vincitori
PREMIO FILMARE LA STORIA “PAOLO GOBETTI”

SCUOLE PRIMARIE
Castiglione di Sicilia 12 agosto 1943
I.C. Santo Calě-Scuola Primaria “P.Scuderi”, Linguaglossa (CT), Classe V B Tempo Pieno, documentario (2019, 26’05”’)
Ricostruzione storica dell’eccidio di Castiglione di Sicilia, prima strage nazista in territorio italiano, del 12 agosto 1943.
Responsabile del progetto: Giuseppa Ferraro

SECONDARIE DI PRIMO GRADO
A mare
Istituto Comprensivo Scuola Secondaria di 1° Grado “N. Zingarelli”, Bari, gruppo laboratorio di cinematografia, video poesia (2018, 08’09”’)
Questa videopoesia nasce intorno ad una idea nata all’interno del laboratorio cinematografico, curato dal media educator Girolamo Macina e dalla prof.ssa Patrizia Sollecito. Gli alunni hanno lavorato alla sceneggiatura, ai testi a cura di Michele Facchi e Jeannette Longo, alla direzione delle riprese, al suono in presa diretta e alla segreteria di edizione. La firma della videopoesia č emersa con naturalezza quando la sensibilitŕ dei ragazzi, in risposta alla proposta di parlare del Mediterraneo come dimensione di scambio e arricchimento, ha voluto abbandonare i sentieri piů battuti e tentare un percorso piů simbolico e piů accorato.
Responsabile del progetto: Patrizia Sollecito

SECONDARIE DI SECONDO GRADO
Mi chiamo Emidio Mastrodomenico e sono un partiginano
Istituto d’Istruzione Superiore “M. Dell’Aquila” di San Ferdinando di Puglia (BT), classe 1^A, film a soggetto (2017, 8’52”)
Il corto ricostruisce la vicenda di Emidio Mastrodomenico, poliziotto e partigiano, nato a San Ferdinando di Puglia e ucciso a 22 anni dai fascisti della Brigata Muti insieme ad altri 14 “martiri”. Arruolatosi a Milano come agente di Pubblica Sicurezza, dopo l’8 settembre entrň nei GAP e partecipň attivamente alla Resistenza. Fu fucilato il 10 agosto 1944 a Piazzale Loreto, dove otto mesi dopo saranno esposti al pubblico i cadaveri di Benito Mussolini e dei gerarchi fascisti giustiziati dopo la loro cattura.
Responsabile del progetto: Stefania Bafunno

MENZIONE SPECIALE
Con i nostri occhi
Liceo Scienze Umane Laura Bassi, Bologna, classe 4G corso Doc, documentario (2018, 18’27”)
E’ il racconto dell’esperienza di alternanza scuola lavoro sull’isola di Lampedusa, terra di frontiera e di sbarchi, mettendo in evidenza interviste e testimonianze che hanno segnato profondamente gli studenti partecipanti.
Responsabile del progetto: Roberto Guglielmi

VIDEOMAKER
Il nome del padre
Regia di Daniele Ceccarini, Paola Settimini, Mario Molinari, Associazione B52 La Spezia, documentario (2018, 45’)
ll grande riscatto di un uomo che si č ribellato con forza a un passato di sangue e di soprusi e a un padre nazista, e che oggi spende la vita nella difesa dei deboli e degli emarginati. E’ la storia di Udo Surer, avvocato di Lindau – in Baviera – e cittadino onorario di Fivizzano, in provincia di Massa Carrara. Suo padre era Josef Maier, uno dei soldati tedeschi che parteciparono alle stragi nazifasciste di San Terenzo Monti e Vinca dove nell’estate del 1944 il 16° Battaglione Panzergranadier SS sterminň piů di 400 civili, compresi donne e bambini. Il documentario racconta quella storia terribile tramite le testimonianze di chi c’era: persone che nel ’44 erano bambini, e che hanno visto l’inimmaginabile e soprattutto, attraverso la testimonianza di Udo Surer che si č ribellato con forza al passato di sangue del padre nazista.

MENZIONE SPECIALE
La camicia di Basilio
Regia di Filippo Biagianti, documentario (2018, 20’)
Parole e piccoli pezzi di vita si trasformano in #romanzo. La camicia di Basilio è un viaggio nella memoria arcaica dell’entroterra sardo. Luoghi spesso dimenticati, che nascondono e proteggono una cultura millenaria. Una tradizione non scritta, che affonda le radici nella terra dei sogni e dei “giganti di pietra”.

PREMIO “25 APRILE” ANPI

SCUOLE PRIMARIE
Prima della pioggia
I.C. Centro scuola primaria Carducci e Garibaldi, Casalecchio di Reno (BO), classi IV A, B e V A, B , film a soggetto (2018, 14’56”)
Si racconta la storia del musicista ebreo italiano Adolfo Farnesi, che si salvň dalle persecuzioni razziali grazie alla formazione di un’orchestra creata dal violinista Bronislaw Huberman, che trasferě nel 1936 a Tel Aviv settanta musicisti ebrei con le loro famiglie.
Responsabile del progetto: Antonio Spetrini

SECONDARIE DI PRIMO GRADO
Il fiore d’inverno
Scuola Secondaria di I grado – Istituto Comprensivo F.lli Casetti , Varzo (Verbano-Cusio-Ossola), classe 3^A anno scolastico 2017/2018, film a soggetto liberamente ispirato ad una storia vera (2018, 18’05”)
Autunno 1944 – Il secondo conflitto mondiale č nel suo pieno svolgimento e, dopo la breve ma significativa esperienza della Repubblica Partigiana dell’Ossola, sulle Alpi continua la Resistenza. Ed č in questo contesto che si inserisce la storia di Giuseppe Pieri, un diciottenne partigiano della Valle Divedro con la passione per la musica, follemente innamorato della vita e della fidanzata Giulia. Ma la guerra segue logiche spietate, non lascia spazio né alla tenerezza di un amore che sboccia, né alla dolce melodia di una fisarmonica. «Perché la guerra č neve sporca di sangue e non lascia crescere i fiori».
Responsabile del progetto: Annalisa Deltedesco

SECONDARIE DI SECONDO GRADO
Il Consiglio d’Egitto e le carte che servono a fare la storia
Liceo Leonardo Da Vinci, Terracina (LT), Lazio, classe 4^, film a soggetto (2017,8’35”)
Il 23 settembre 1943, all’indomani dell’armistizio, i filologi della Biblioteca di Jesi, guidati dalle riflessioni di Leonardo Sciascia presenti nel Consiglio d’Egitto, decidono di nascondere il Codex Aesinas, cercato dai nazisti come prova documentale della teoria della purezza della razza .
Responsabile del progetto: Roberta De Luca

VIDEOMAKER
Le ragazze del 2 giugno
Regia di Nadia Davini e Stefano Ceccarelli, Lucca, documentario (2018, 46’30”)
“…fu la novitŕ che ci cambiň la vita!”
Il racconto si apre sui ricordi e sulle emozioni di quello che fu un vero giorno di festa: 2 giugno 1946. Il primo suffragio universale rivive con le voci delle prime donne, allora ragazze, che furono chiamate a votare. Le protagoniste compiono un viaggio a ritroso, rievocando gli anni bui della dittatura, la guerra, la Resistenza, la fame, la paura. E infine la gioia e la determinazione. La Liberazione, la battaglia per esercitare un diritto dovuto e, infine, la vittoria della Repubblica. Una pagina imprescindibile della nostra storia, raccontata con luciditŕ, ironia e una passione mai spenta: quella per la Libertŕ.

PREMIO CITTŔ DI TORINO
Lealtŕ e coraggio nei campi della vita
I.I.S.S Piero Calamandrei. Corso Benedetto Croce 17, Torino, classi 3L e 3I, videoclip (2019, 5’27”)
Ricostruzione della biografia e collocazione della pietra d’inciampo di Vittorio Staccione, giovane calciatore antifascista, nato a Torino il 9 aprile del 1904, deportato e in seguito assassinato a Mauthausen il 16 marzo del 1945.
Responsabile del progetto: Antonio L. Falbo

PREMIO GIURIA GIOVANI
Journeys
IIS “A. Avogadro” di Torino, classe 4A Liceo, documentario (2019,9’28”)
Il documentario tratta il tema dell’immigrazione in tutte le sue declinazioni. Immigrato č chi per motivi di disastri ambientali deve fuggire dal proprio paese, immigrato č chi fugge per motivi politici o religiosi, immigrato č colui che lascia la propria terra per amore, immigrato č chi č costretto ad andare all’estero in cerca di occupazione.
Responsabili del progetto: Antonio Mandarano e Anna Sacchi

PREMIO POLO DEL ‘900
Noi che adulti saremo?
Istituto comprensivo statale, Mileto (VV) ), gruppo classe cronista fotografico, documentario (2018,11’11”)
Noi che adulti saremo ? Questo il quesito che si sono posti i giovanissimi cronisti della scuola secondaria di primo grado di Mileto (VV),nella realizzazione del documentario, partito dopo l’uccisione di un ragazzo poco piů grande di loro. L’indagine ha cercato di attraversare tutto il tessuto sociale e generazionale del territorio della cittadina sita al centro della Calabria, dove ha sede il loro plesso. Tra strade e piazze hanno chiesto opinioni, su cosa fosse la Mafia e l’omertŕ, cercando di trarne anche qualche consiglio per migliorare il loro futuro. Il risultato di questo film-inchiesta č alquanto sconcertante, dipingendo a tratti, i classici stereotipi medievali del meridione. Il cortometraggio, viene spezzato da alcune interviste di repertorio, di italiani morti nella legalitŕ e per la legalitŕ, forse tra i pochi esempi da seguire.
Responsabile del progetto: Emanuele Bonaventura

PREMIO FILM COMMISSION TORINO PIEMONTE
Una partita ai confini del mondo
Regia di David Valolao, prodotto da Gustavo Espinosa, Genova film a soggetto (2017, 13’22”)
Luigi ha da poco perso la moglie ed č caduto in depressione. Suo figlio Aldo decide di contattare Vittorio, un caro amico che Luigi ha conosciuto durante la guerra e che abita a Buenos Aires, per avviare una partita a scacchi per corrispondenza con l’obiettivo di smuovere il padre dalla depressione…

01/06/2019, 12:36