FilmdiPeso - Short Film Festival

DOLCISSIME - L'amore del cinema per il nuoto sincronizzato


DOLCISSIME - L'amore del cinema per il nuoto sincronizzato
Dolcissime
Sono lontani i tempi di Busby Berkeley ed Esther Williams... o forse no?

Sorprende ancora, nonostante la crescente abbondanza di titoli, l'amore del cinema italiano ed europeo per uno sport come il nuoto sincronizzato, sicuramente poco in alto nella classifica delle discipline pi seguite...

L'uscita in sala (l'1 agosto 2019) di "Dolcissime" di Francesco Ghiaccio, in cui tre adolescenti sovrappeso trovano in questo sport la loro strada per riacquisire fiducia in se stesse, superando le prese in giro e il bullismo di cui sono vittime, pochi anni fa ricordiamo "Cloro" di Lamberto Sanfelice, in cui Sara Serraiocco era una sincronette costretta dalla vita a continuare ad allenarsi in solitaria cercando di "compensare" l'assenza della compagna.

"Dolcissime" il secondo film in stagione ad arrivare nei cinema italiani: qualche mese fa il francese "7 uomini a mollo" di Gilles Lellouche - dopo un passaggio a Cannes 2018 - si contraddistinto per il tono dolceamaro con cui raccontava le vicissitudini di una squadra di uomini di mezza et, fuori forma e poco portati ma tanto dediti, che nel nuoto sincronizzato trova la sua armonia e una nuova voglia di vivere. Fino ad arrivare ai Mondiali in rappresentanza della propria nazione...

Praticamente la stessa trama di "Swimming with men" di Oliver Parker, portato in anteprima italiana a Torino lo scorso ottobre dal BIFF British Irish Film Fest. Anche qui, un gruppo di uomini - inglesi - di et avanzata, la passione inattesa per questa disciplina, la missione di arrivare ai Mondiali... Stesso plot di Lellouce, riuscita decisamente migliore.

E sempre nei festival italiani si fece notare nel 2007 il talento ormai celebrato dalla critica internazionale di Celine Sciamma: il suo "Naissance de pieuvres" era quasi interamente ambientato nel competitivo mondo del nuoto sincronizzato, lanciando la carriera di Adele Haenel.

01/08/2019, 11:58

Carlo Griseri