I Viaggi di Robi

Note di regia di "Stay Still"


Note di regia di
Qualche anno fa, mentre giravo un documentario sulle istituzioni psichiatriche, mi sono imbattuta in qualcosa che mi ha profondamente colpita: coloro che non fanno niente. I pazienti in una clinica trascorrono spesso le loro giornate aspettando di prendere le medicine, aspettando il pranzo, la visita di un famigliare o semplicemente di stare meglio e mentre aspettano, non fanno niente. Alcuni di loro vorrebbero fare qualcosa, ma non sono in grado di farlo, mentre altri si rifiutano ostinatamente di entrare nelle fila dei membri attivi e produttivi di una societ. Proprio perch spinti forzatamente verso la periferia delle comunit in cui vivono, sono costretti a vedere il mondo da una prospettiva diversa e cominciano a porsi delle domande: lavorare un privilegio o un obbligo? E qual il nostro valore come esseri umani, se non siamo in grado di fare ma solo di essere? Per la prima volta mi venuto in mente quanto possa essere doloroso e sconvolgente - ma anche liberatorio e politicamente radicale - l'atto di non fare nulla, in una societ ossessionata dal produrre e consumare. Julie e Agnes sono considerate ribelli semplicemente perch si rifiutano di fare qualsiasi cosa, anche se potrebbero avere tutto. Sono le formiche insolenti che smettono di seguire gli ordini e abbandonano le fila ballando, aspettando ai bordi della strada per vedere cosa succeder.

Elisa Mishto