CINECITTÀ SI MOSTRA
I Viaggi Di Roby

LOCKDOWN ALL'ITALIANA - La Commedia della nostra storia recente


Il nuovo film diretto da Enrico Vanzina racconta il blocco del paese della scorsa primavera attraverso le disavventure di due coppie. Dal centro storico alla periferia le difficoltà di sopravvivenza quando il rapporto entra in crisi. Nel cast Ezio Greggio, Paola Minaccioni, Ricky Memphis e Martina Stella. In sala dal 15 ottobre con Medusa


LOCKDOWN ALL'ITALIANA - La Commedia della nostra storia recente
Greggio e Minaccioni in "Lockdown all'italiana"
Dopo tante polemiche alla semplice presentazione del titolo, arriva in sala il nuovo film di Vanzina. Scritto e diretto da Enrico, il primo film vero e proprio di vanzina dopo la scomparsa di Carlo, arrivando dopo "Natale a 5 Stelle" diretto da Marco Risi e la partecipazione a parecchi documentari e la scrittura della serie tv "Sotto il sole di Riccione" come prodotti della ditta Vanzina.

Nessuno sciacallaggio, nessun tipo di speculazione di quella che per molti italiani è stata una disgrazia ma anche nessun “instant movie” per raccontarci gli aspetti più interessanti del lockdown con gli occhi di un autore. Perché purtroppo "Lockdown all’italiana" sfiora soltanto le tematiche possibili, comiche come drammatiche, di un momento particolare della nostra storia, potenzialmente ricco per il racconto per il racconto cinematografico.

Il film di Enrico Vanzina è la solita commedia di corna con i rapporti tra amanti clandestini e coniugi fedifraghi o cornuti che devono andare lentamente ad esaurirsi a causa della chiusura forzata del paese invece che per una improvvisa scoperta o un out-out delle vittime del tradimento.
Il film racconta la storia di due coppie, quella agiata e del centro storico formata da Ezio Greggio e Paola Minaccioni e quella in difficoltà e periferica fatta da Ricky Memphis e Martina Stella. L’avvocato Greggio e la cassiera Stella sono amanti ma vengono scoperti perché i due geni sono gli unici rimasti sul pianeta a non usare un pin per accedere al proprio telefono e sono anche tra i pochi che non cancellano le chat “pericolose”, lasciando per di più il telefono libero di squillare sul tavolo di casa.

Essere beccati è un attimo, entrambi per lo stesso, stupido errore. Sono i primi giorni di marzo del 2020 e da lì, per le due coppie, comincia l’obbligo di dimora con il coniuge che ha scoperto tutto e che, tra disprezzo e ricatti, prova a sopportare la fine della relazione almeno fino al termine della segregazione casalinga.
"Lockdown all’italiana" è un film leggero, in balia del vento, che non prende una strada precisa ma fluttua tra tentativi di politicamente scorretto, analisi sociale e commedia amara, con una punta di moralismo che di tanto in tanto arriva per cercare di dare peso all’operazione.

Nel cast Paola Minaccioni conferma di essere padrona del suo ruolo, ormai sempre più all’altezza di ruoli principali. I dialoghi serrati non favoriscono invece gli altri elementi del cast, non sempre a proprio agio con tante parole in fila.

12/10/2020, 17:07

Natalia Giunti