Festival del Cinema Città di Spello
I Viaggi Di Roby

FIORETTA MARI - "A Torino per scoprire talenti"


FIORETTA MARI -
L’attrice fiorentina Fioretta Mari, diventata famosa anche tra i giovanissimi come coach della trasmissione “Amici”, è attesa a Torino per una masterclass che si terrà sabato 24 e domenica 25 ottobre (dalle 10,30 alle 18) in corso Vittorio Emanuele 225/c, ospite di Mirella Rocca e Domenico Barbano del Cinema District Hub (per partecipare 3928392721).

Un appuntamento importante per tutti coloro che amano la recitazione dato che la Mari, oltre ad avere lavorato con i maggiori artisti italiani, da Manfredi a Turi Ferro, da Gassman a Vianello, vanta 150 titoli andati in scena dall’Europa a New York, una lista infinita di premi e riconoscimenti, collaborazioni come insegante oltre che in Italia, a Los Angeles e New York, presso il  Lee Strasberg Theatre and Film Institute.

«L’insegnamento è oggi per me una ragione di vita, amo i miei ragazzi e voglio infondere in loro la speranza che per il nostro lavoro ci sia un futuro. Regalo serenità. Il talento è come un fiumiciattolo, prima o poi trova l’oceano. Sono pazza del talento e qui a Torino ce n’è tanto. Non è la prima volta che insegno da Mirella Rocca e, devo dire, che ho già individuato qualcuno di speciale...».

Un’attrice italiana, gettonata soprattutto in America, proprio dove è nato il cinema. Perché?
«Noi abbiamo una grande tradizione legata alla commedia dell’arte. E’ questo il nostro tratto distintivo, il motivo per il quale gli americani mi hanno scelta. Io discendo da dodici generazioni di attori, mia figlia (la cantante Ida Elena De Razza, ndr) fa parte della tredicesima, in America posso insegnare cose che solo noi italiani abbiamo nel sangue. Adoro New York, ogni volta che ci vado sono ospite di Anna Strasberg, mi emoziona dormire nel suo appartamento di Central Park, proprio nel letto dove più volte dormì Marilyn Monroe».

E nel futuro ancora tanto teatro.
«Se tutto andrà bene, continuerò la tournée con il mio spettacolo su Frida Kahlo, è bellissimo, spero che arrivi ovunque».

22/10/2020, 09:00

Carlo Griseri