CINECITTÀ SI MOSTRA
I Viaggi Di Roby

Note di regia di "Trastwest"


Note di regia di
"Trastwest" nasce per uno strano scherzo del destino. Nell’ultimo periodo di zona rossa, a marzo, ho assistito casualmente ad una scena che aveva dell’assurdo. Due uomini di una certa età, in una Roma deserta, soli in piazza San Calisto a Trastevere, si stavano affrontando in un duello a fuoco con due banane in mano come armi. Giocavano come bambini. Uno dei due, che è solito girare in bicicletta regalando musica al suo passaggio, lasciava suonare da una cassa “Per un pugno di dollari” che faceva da colonna sonora. La scena mi è sembrata surreale e poetica allo stesso tempo e istintivamente ho iniziato a filmarla… a rallentatore… poi la voglia di continuare… allo stesso modo: rallentato come il tempo che ci circondava in quel periodo. Gli altri personaggi quasi magicamente sono spuntati fuori pronti a raccontarsi. Senza parole, solo con i loro volti e la loro presenza. Gente che rimane tanto spesso nell’ombra. Ho deciso di girare su di loro e con loro. Di seguirli a casa (chi ce l’ha), per strada, di evocare l’esistenza che hanno perso e osservare quella che vivono. Con umiltà, discrezione e delicatezza. La “sceneggiatura” si è scritta da sola nell’osservazione degli eventi che accadevano in quei giorni. I miei protagonisti sono senzatetto, zingare, personaggi emarginati. Stravaganti che escono dalla razionalità. Ma anche artisti, musicisti, gente che ha viaggiato, lavorato, avuto famiglie. Alcuni di loro poi sono inciampati. Qualcosa nella loro vita è andato storto. Un ingranaggio si è inceppato e si sono persi. E poi ritrovati e poi persi ancora. Di certo, ognuno custodisce in sé un passato profondo che si legge negli occhi. Ecco, con questo piccolo film sono voluto andarli a ritrovare. Farli sentire nuovamente in gioco. Partecipi. Protagonisti. È un piccolo omaggio. Questo è Trastwest: un duello tra follia e ragione, tra la nuova Trastevere e il vecchio West.

Ivano De Matteo