Festival del Cinema Città di Spello
I Viaggi Di Roby

BAFF 20 - Ospiti Bille August e Lidiya Liberman


BAFF 20 - Ospiti Bille August e Lidiya Liberman
Grande apertura per la XX edizione del BAFF B.A Film Festival dal 2 al 9 aprile a Busto Arsizio con il regista danese Bille August, premio Oscar e vincitore per ben due volte della Palma d’Oro a Cannes. Nel 1988 con Pelle alla conquista del mondo, tratto dal romanzo di Martin Andersen Nexø (che vinse anche l'Oscar al miglior film straniero), e nel 1992 col film Con le migliori intenzioni, tratto da una sceneggiatura autobiografica di Ingmar Bergman. La sua attenzione per la tessitura nel racconto gli ha permesso di portare sul grande schermo romanzi complessi rendendoli film dall’indiscusso successo. Tra i registi più acclamati e di talento della sua generazione, Bille August sarà l’ospite d’onore del BAFF B.A Film Festival che quest’anno festeggia 20 anni.

August non sarà l'unico ospite internazionale della manifestazione: è attesa al Festival anche l’attrice ucraina Lidiya Liberman, che 12 anni fa ha scelto l'Italia per vivere, lavorare e costruire la propria famiglia. La Liberman è stata apprezzata dal pubblico per la sua interpretazione in Maternal di Maura Delpero.

Musica, immagini e parole saranno protagoniste de “Il silenzio e il canto”, opera virtuale firmata dal compositore Alessandro Solbiati. Pensata nel periodo del lockdown, l'opera viene ora proposta dal vivo: «Al centro del racconto - spiega l'autore - il mito dell’incontro tra Ulisse e le Sirene preannunciato da Circe, ma attraverso testi tratti da Omero, e anche da Rilke, Kafka, Tennyson, Pascoli. Durante la pandemia nessuno poteva suonare assieme, e ogni interprete a disposizione, strumentista, soprano e attore, poteva registrare la propria parte solo singolarmente, contando sul successivo montaggio. Allora è nata l’idea di moltiplicare le parti in gioco, creando un’orchestra che non può esistere».
“Siamo davvero orgogliosi di prendere parte a una kermesse che in questi anni ha saputo conquistarsi un posto di rilievo nello scenario culturale e cinematografico italiano, oltre a rappresentare un’eccellenza locale – dichiara Bruno Paneghini, Presidente e Amministratore Delegato di Reti SpA, che ospiterà l'evento - Per l’occasione, apriremo le porte del Campus alla cittadinanza e a tutti gli appassionati di cinema, contribuendo così ad allargare i confini della manifestazione e a creare nuove sinergie, sconfinando anche nel campo della videoarte e della musica. Un modo concreto non soltanto per far conoscere la nostra realtà, ma anche per vivere insieme al territorio esperienze inedite che sapranno sicuramente regalarci grandi emozioni”.

Il Baff ricorderà Pier Paolo Pasolini, nel centenario della nascita, con tre appuntamenti: il regista Pupi Avati introdurrà la proiezione del documentario Pasolini prossimo nostro di Giuseppe Bertolucci, un’intervista, inframezzata da spezzoni di film e foto di scena, sul film Salò o le 120 giornate di Sodoma. Nella sezione “Made in Italy – Scuole” verrà proposto il film Il Vangelo secondo Matteo, diretto da Pasolini nel 1964, con un commento di Don Davide Milani, presidente della Fondazione Ente dello Spettacolo. De Piante Editore presenterà “Un’ora con Ezra Pound. Ezra Pound intervistato da Pier Paolo Pasolini”, un estratto dal volume È inutile che io parli, che raccoglie le principali interviste rilasciate da Pound alla stampa italiana dagli anni Venti agli anni Settanta del ‘900.

Un omaggio sentito sarà anche quello dedicato a Monica Vitti, scomparsa nel mese di febbraio. Per ricordare la celeberrima interprete il Baff proporrà Vitti d'arte, Vitti d'amore diretto da Fabrizio Corallo, che ne rievoca il percorso artistico e quello personale. «Un'antidiva dal fascino magnetico che, con arguta ironia, è diventata anche il simbolo della comicità al femminile, segnando uno spartiacque con i modelli di attrice e donna convenzionali della sua epoca».

Presidente della giuria Baff in corto, dedicata al concorso Cortometraggi, sarà l’attore Riccardo Rossi.

Ai partner dell'edizione 2022 del BAFF si aggiunge, per il primo anno, la FICE - Federazione Italiana Cinema d'Essai, che riunisce oltre 400 cinema di tutta Italia, per valorizzare la diffusione del cinema d'autore nelle sale del territorio. In particolare, la FICE metterà a disposizione i cortometraggi e i documentari selezionati per le sue rassegne ormai consolidate, denominate rispettivamente "Cortometraggi che passione" e "Racconti Italiani". “Siamo ben felici di collaborare con il BAFF, un festival che promuove il miglior cinema d’autore italiano e valorizza le sale cinematografiche del territorio” ha dichiarato Domenico Dinoia Presidente della FICE.

La locandina 2022 del festival è realizzata da Marianna Tomaselli, che ha descritto così il suo lavoro: “Il cinema rappresenta luogo di incontro, di dialogo ma soprattutto di emozioni. La mia illustrazione per Baff rappresenta quell'emozione, quell'attimo di un bacio rubato a tarda notte dopo la visione di un film. Ho giocato con elementi retrò e moderni per rappresentare l'immortalità di questi attimi senza tempo. Il cinema unisce, commuove, appassiona e coinvolge intere generazioni da sempre, colonna sonora delle nostre vite”.

Il BAFF – B.A. Film Festival diretto da Steve della Casa e Paola Poli è organizzato da B.A. Film Factory, presieduta da Alessandro Munari, con il Comune di Busto Arsizio e l'Istituto Cinematografico Michelangelo Antonioni.

03/03/2022, 17:37