I Viaggi Di Roby

EXPLORER CHANNEL HD - La programmazione di aprile 2022


EXPLORER CHANNEL HD - La programmazione di aprile 2022
Diego Gandolfo e Marina de Ghantuz Cubbe
Fitta ed eterogenea la programmazione di aprile 2022 di Explorer HD Channel, il nuovo canale visibile su SKY canale 176. Dall'arte della cinematografia di Vittorio Storaro alle inchieste giornalistiche del Premio Roberto Morrione ai documentari sugli anziani e la pandemia, passando per le figure politiche di Evo Morales e Camillo Benso di Cavour.

Lunedì 4 aprile in prima visione tv alle ore 12:30 e in replica alle 20:30, lo speciale sul direttore della cinematografia Vittorio Storaro e la sua mostra foto-cinematografica Scrivere con la luce, ideata e voluta per raccontare, attraverso la fotografia, l'inteso lavoro di ricerca figurativa compiuto in 50 anni di carriera, del grande autore della cinematografia, già tre volte Premio Oscar.

Nell'ambito di "Scoprendo Torino e Dintorni", programma di Antonella Frontani che racconta la città piemontese attraverso un focus “in dialogo” con un protagonista del territorio e ‘la sua Torino’, pone l'accento su Camillo Benso Conte di Cavour. La prima delle due puntate per raccontare lo statista andrà in onda in prima tv lunedì 4 aprile alle ore 13:00 (con replica il 10 aprile alle 10:00) ed è incentrata sul suo spirito europeista, girata all’interno del Memoriale, villa della famiglia Cavour. Ospite della puntata, Marco Fasano, Direttore della Fondazione Camillo Cavour.

Tutte le domeniche alle ore 21:30, le puntate del programma in prima visione tv "<_B>Fa quel che devi" programma di approfondimento che indaga il mondo attraverso le inchieste di giornalisti under 30 del Premio Roberto Morrione. Presentato da Marina de Ghantuz Cubbe e Diego Gandolfo, la serie racconta la Mafia che si appropria di fondi europei nella quasi totalità dell’indifferenza generale. Movimenti di estrema destra che vogliono riportare le lancette indietro al Medioevo in tutta Europa. E poi traffici illeciti di armi prodotte in Italia e destinate all’Arabia Saudita. Ma anche obiettori di coscienza, HIV e cyber-attacchi cinesi contro le nostre infrastrutture ospedaliere.

Mercoledì 20 aprile, alle ore 12:15, nell'ambito della sezione Explorer Doc, la messa in onda di "Un minuto de silencio", documentario diretto da Ferdinando Vicentini Orgnani, che racconta il boliviano Evo Morales, primo presidente 'cocalero' del Sudamerica ma non solo lui. Il racconto di cinque anni dedicati a seguire l’uomo che ha incarnato i sogni di un’intera nazione. Come si sono trasformati in questi cinque anni i suoi sostenitori che per votarlo fecero anche una settimana a piedi nella giungla per raggiungere il seggio. E i suoi oppositori? Come sono mutati gli equilibri internazionali che per secoli hanno condizionato lo sviluppo o il solo esistere di questa Nazione?

Ogni sabato alle 21:30, appuntamento con le puntate in prima visione tv di "Forever Young", sei documentari nati per i dieci anni del Premio Roberto Morrione per il giornalismo investigativo nell'ambito di un concorso speciale in partnership con Oberon Media International. Documentari capaci di raccontare l’esperienza vissuta dalle persone anziane durante la pandemia. Ecco quindi "Three(sh)Old. Oltre la soglia" di Francesco de Augustinis, che racconta il quotidiano e la vita di tre persone che con l'avanzare degli anni hanno “varcato la soglia”, limite immaginario oltre il quale la società ha smesso di considerarle come 'utili' o 'produttive'. Tre storie ambientate in una metropoli, in un piccolo borgo di provincia e in una casa di accoglienza per anziani. Quindi, "Chentu. Covid e longevità nella Zona Blu della Sardegna" di Federica Delogu e Claudia Torrisi, che racconta come abbiano vissuto la pandemia gli anziani che abitano nell'Ogliastra, una delle aree più isolate della Sardegna ma anche dove si rileva la più alta concentrazione di persone che hanno raggiunto o superato il traguardo dei 100 anni. "Indimenticabili. Storie di demenze e pandemia" diretto a quattro mani da Sara Del Dot e Sara Stradiotti, che affronta, attraverso anche le voci dei caregiver con quelle dei medici lo stravolgimento che la malattia di Alzheimer provoca nella vita delle persone che ne sono affette e delle loro famiglie. Condizione aggravata dalla pandemia di Covid-19 e dalle chiusure che ha portato con sé. L'Alzheimer è al centro anche di "Non ti scordar di me" di Elena Risi e Valentina Vivona, che, incrociando storie personali e testimonianze autorevoli, mostra come l’Italia – e soprattutto alcune Regioni – esiti a rispondere a quella che le Nazioni Unite già nel 2012 definivano una 'priorità mondiale di sanità pubblica'. "Non è una rete per vecchi. L’esclusione digitale (e sociale) degli anziani in Italia" diretto a otto mani da Roberto Persia, Lorenzo Pirovano, Giovanni Sacchi e Marco Carlone pone l'accento sull'isolamento legato al digital divide, fenomeno dell’esclusione dai benefici del progresso tecnologico e dell’innovazione, è una delle facce dell'emarginazione in cui è costretta a vivere una larga fetta degli anziani in Italia. L'isolamento degli anziani durante la pandemia, che sia sotto il tendone di un circo vuoto o nella Basilica di San Pietro è raccontato in ">B>Senza Tempo", di Maria Gabriella Lanza e Valentino Innocenti. Se sono differenti i contesti, gli ambienti sociali, il percorso di vita e il modo di reagire al dolore, uguale è la consapevolezza che ogni vita ha un valore eterno, senza tempo.

02/04/2022, 13:53